Notizie locali
Pubblicità

Spettacoli

Ritorna il BarbablùFest nell'area archeologica di Morgantina

Al via domani con la "Medea" contemporanea di Luciano Violante. Mercoledì ci sarà Roy Paci

Di Redazione

Chi è Medea? Una straniera, una maga, una semplice donna innamorata? Colpevole o innocente? Nella finzione drammaturgica dell’ex Presidente della Camera e magistrato Luciano Violante, Medea nel suo peregrinare approda sulle rive siciliane. E qui affida ai venti un suo monologo straziante e sublime, sulle note del Requiem di Verdi, che il giudice Giovanni Falcone era solito ascoltare. 

Pubblicità

Sarà questa l’apertura della seconda edizione del BarbablùFest, scelta dal suo direttore artistico Giuseppe Dipasquale che firma anche la regia dello spettacolo, prodotto dal Teatro della città CpT e da Terzo Millennio. Viola Graziosi – in finale al Premio Le Maschere del Teatro  Italiano proprio per la sua interpretazione di Clitemnestra presentato lo scorso anno a Morgantina – interpreterà le vendicatrice, domani (martedì 19 luglio) alle 19,30 nell’area archeologica di Morgantina, nel giorno in cui cade il trentennale della strage di via D’Amelio. 

 

“Quella di Luciano Violante vuole essere una Madre, Regina, Maga semidivina che compie l’efferato gesto infanticida per sottrarre i figli ad una schiavitù, condannata a un esilio eterno rinnova l’efferatezza del suo crimine ad un impietrito Giasone per approdare infine nella terra del fuoco, una terra a tre punte, la Sicilia, per incontrare altri “estranei” che cercano una ragione al lacerante dolore della perdita dei propri figli” spiega Giuseppe Dipasquale.  Saranno tre donne, Medea, Demetra e Persefone, a guidare i giusti per il riscatto della loro terra. Lo spettacolo ha debuttato a dicembre scorso a Palermo, nella chiesa di San Domenico, dove è sepolto il giudice Giovanni Falcone.

E il giorno successivo (mercoledì 20 luglio) alle 20, Roy Paci celebrerà il suo primo quarto di secolo musicale, con un nuovo ensemble e un live carico di prorompente energia, in veste totalmente rinnovata, più elettronica e dal gusto internazionale. Il parco archeologico si trasformerà in una “fiesta”: il live prorompente ed “energetico”, vero “remix” dagli otto album eseguiti con gli Aretuska, verranno ora riproposti con la nuova formazione live e in una chiave electronica contemporanea. “Roy Paci Remix 2022”: dopo aver fatto ballare aficionados di tutto il mondo, Roy ha preparato, per quest’estate una scaletta che trasformerà le piazze in vere e proprie dance hall, una “fiesta total” con ritmi e sonorità evolute di radice latina contaminate con il resto del mondo, passando dalle tribù africane fino alle bande musicali. Brani che anticipano il mood rivoluzionario del nuovo album,  in uscita l’anno prossimo.

 

 

 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA