Notizie Locali


SEZIONI
Catania 24°

Sport

Serie D, per il Messina l’illusione del colpaccio dura solo un tempo

Di Manuel Pernice |

Un Messina dai due volti deve accontentarsi di un pareggio nella “tana” della Nocerina. Prima frazione di grande spessore, ma ripresa in lieve flessione.

I peloritani partono forte, mettendo alle corde i padroni di casa. In nove minuti il Messina mette a segno due reti. Prima con Rosafio bravo ad insaccare dopo un assist al bacio di Ragosta. Poi con Yeboah che trova il “jolly” con un tiro dalla lunga distanza. Da qui in poi il primo tempo è un monologo a tinte giallorosse. I peloritani si rendono pericolosi in altri due frangenti. Prima con un tiro di Cozzolino parato con difficoltà da Gomis. Poi entra in scena Yeboah che accende il turbo e ubriaca l’intera retroguardia campana. L’attaccante ghanese scarta anche il portiere, ma il suo tiro viene salvato sulla linea.

L’esultanza di Rosafio

Nella seconda frazione, la legge non scritta del calcio punisce il Messina. I “molossi” scendono in campo con un piglio diverso. E al 52′ accorciano subito le distanze con la rete di Cavallaro. Da qui in poi è forte la pressione dei padroni di casa. Il Messina è in “apnea”. Produce il massimo sforzo la Nocerina che va vicina al pareggio con Cavallaro. Ma è bravo Meo a disinnescare il tiro. I giallorossi provano a svegliarsi dal torpore. Ma il pallonetto di Ragosta viene bloccato da Gomis. Al 65′ il Messina si suicida con un retropassaggio di petto errato di Cozzolino che viene intercettato da Vitolo che trafigge Meo. Il Messina torna a casa con un pari e tanti rimpianti.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA