Notizie Locali


SEZIONI
Catania 25°

agenzia

Innovazione, Palermo (Acea): “La sfida dell’IA è la difesa del capitale umano e la crescita delle competenze’

Di Redazione |

Roma, 27 ott. “Difendere il capitale umano” nel contesto dell’avvento dell’IA e delle nuove tecnologie rispondendo alla sfida di creare “nuovi posti di lavoro” e di far crescere il “livello di competenze”. Così l’amministratore delegato di Acea Fabrizio Palermo in un’intervista a DigitEconomy.24, report del Sole 24 Ore e di Digit’Ed.

“Nei prossimi anni – spiega Palermo – la sfida sarà quella di difendere il capitale umano. Occorre conciliare i nuovi trend con un adeguato sviluppo e la tutela delle persone, ma è da dire che la ricetta è tutta da scrivere”. Come Acea, rileva, “siamo molto impegnati su questo fronte, stiamo investendo molto sull’intelligenza artificiale e crediamo che possa aiutare il cambiamento e anche la valorizzazione del capitale umano”. Certamente “tutto questo dovrà essere accompagnato da un percorso di reskilling e formazione a tutti i livelli”, osserva il numero uno di Acea, “un esercizio in cui siamo impegnati, riguarda i giovani appena entrati e la forza lavoro a tutti i livelli”. Questo, aggiunge, “porterà a un livello di servizi migliori al cittadino visto che Acea è un operatore che fornisce servizi e infrastrutture di prossimità”. Per Palermo l’IA va vista come una sfida per “creare nuovi posti di lavoro portando a una crescita del livello di competenze”. La tecnologia “ha creato e crea nuovi mercati e bisogna avere la capacità di guidare cambiamenti”, afferma. Di certo però l’innovazione “va guidata e regolata”, osserva, perché “se usata in modo indiscriminato, presenta forti criticità”.

La centralità della persona è “valore fondamentale” per Acea che con questo obiettivo ha varato la ‘Carta della persona’. “La persona – sottolinea – deve essere al centro dell’operato della nostra azienda, visto che noi siamo fondamentalmente persone che forniscono servizi di prossimità ad altre persone”. Per questo, conclude Palermo, “il nostro obiettivo è valorizzare i dipendenti in termini di formazione, di attenzione alle dinamiche collegate all’azienda, compresi il mondo degli appalti, i temi di welfare, gli adeguati percorsi di crescita, la qualità e la presenza sul posto di lavoro e a casa, in smart working”.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

Di più su questi argomenti: