home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Salvini e l'immigrazione: attacco alle Ong, alla Marina e alla Guardia costiera

Il leader della Lega Nord a Catania: "Hanno sulla coscienza una sostituzione etnica senza precedenti. E quando torneremo al governo aboliremo le Prefetture, e daremo ampi poteri ai sindaci"

Salvini e l'immigrazione: attacco alle Ong, alla Marina e alla Guardia costiera

CATANIA - «Il 2 giugno, giorno della celebrazione della Repubblica, chiederemo a tutti gli italiani di fermarsi 10 minuti, sul posto di lavoro o dovunque siano, contro la retorica della festa e per protestare silenziosamente, ma decisamente, contro quest’inaccettabile invasione, questo esodo sempre precedenti, di migranti in Italia». E' l'invito rivolto dal leader della Lega, Matteo Salvini, a Catania - seconda tappa del suo tour elettorale siciliano partito questa mattina da Messina.

 

Salvini poi è stato durissimo contro le Ong che secondo alcuni fanno da "taxi" nel Mediterraneo prelevando i migranti al largo delle coste libiche e portandoli in Sicilia. «Arrestateli. Non bastano le denunce e le segnalazioni», ha detto Salvini. «Vorrei - ha aggiunto - che la Guardia di finanza li visitasse, sede per sede, agenzia per agenzia, tutte queste associazioni di volontariato. Vorrei anche che la Marina militare e la Guardia costiera rispondessero agli italiani della coscienza sporca che hanno e che qualcuno pagasse per quella che è una sostituzione etnica senza precedenti».

 

GUARDA IL VIDEO

 

"La Sicilia – ha aggiunto - è vittima di un’invasione senza precedenti, potrebbe essere la capitale mondiale del turismo e qualcuno la vuole trasformare in una discarica di disperati e di disgraziati. Chiedo a tutti i siciliani e a tutti gli italiani - aggiunge - di essere con noi e di rialzare la testa».

 

Accolto da appalusi e cori di incintamento alla pescheria di Catania, Salvini ha detto che «l’accoglienza che ho sempre trovato in Sicilia è stata commovente, quindi tornerò fino a quando non sarà orgogliosa di se stessa. Non credo che questa terra si senta rappresentata dai Crocetta o dagli Orlando o dai Cuffaro. Sulle alleanze e candidature alla Regione decideranno gli organismi siciliani del nostro movimento: io non impongo candidati». Sullo Statuto Siciliano, Salvini ha sposato la linea di alcuni autonomisti dell’isola: «O la si applica al massimo, al 100%, o è meglio porre fine a questa farsa». 

 

Oltre ai consueti temi legati all’immigrazione Matteo Salvini ha anche parlato di elezioni: “Berlusconi conto che sia con noi, adesso che ha risolto il problema Milan. Forse!. Noi andiamo avanti con i nostri uomini, il nostro simbolo ed i nostri candidati. Cercheremo di unire, questo sì - ha aggiunto -, lasciando fuori dalla porta chi ha fatto tre, quattro, cinque, sei, sette, otto legislature".

 

Salvini ha anche annunciato uno dei provvedimenti di governo in caso di vittoria: "Le Prefetture sono enti inutili da chiudere. Una delle prime cose che faremo, quando torneremo al Governo - ha aggiunto -, sarà di cancellare le Prefetture e dare pieni poteri ai sindaci".

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 1
  • Bancheng

    21 Aprile 2017 - 19:07

    Durante il governo di Vichy si videro francesi che plaudivano ai nazisti che sterminavano i francesi. Possono anche esistere i siciliani che applaudono il Salvini che da anni sputa sul sud e sulla Sicilia con la sue idee di secessione.

    Rispondi

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO