home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Dell'Utri, la Cassazione: «Il giudice tenga conto delle condizioni di salute»

I legali dell'ex senatore, che sta scontando sette anni per concorso esterno in associazine mafiosa, avevano chiesto il differimento della pena per motivi sanitari. Il Tribunale di Sorveglianza la prima volta ha detto no

Dell'Utri, la Cassazione: «Il giudice tenga conto delle condizioni di salute»

Marcello Dell'Utri

Nel valutare se vi è la necessità di confermare la detenzione in carcere per Marcello Dell’Utri, il giudice di sorveglianza deve tener conto «dell’aggravamento delle condizioni sanitarie» e delle ripercussioni dei trasferimenti quotidiani in ospedale per le cure. Lo scrive la Cassazione nelle motivazioni della sentenza con cui un mese fa ha annullato l’ordinanza del tribunale di sorveglianza di Roma del 5 dicembre 2017 che giudicava compatibili con il carcere le condizioni di salute dell’ex senatore, affetto da cardiopatia, diabete e tumore alla prostata.

«Anche per escluderne la decisiva rilevanza - osserva la Corte -, difetta ogni specifica valutazione con riferimento alla più grave diagnosi di natura prostatica ed all’impossibilità di eseguire presso centri clinici penitenziari la radioterapia necessaria». Di conseguenza, «omette di confrontarsi anche con le ripercussioni dell’aggravamento delle condizioni sanitarie e con l’incidenza dei quotidiani trasferimenti in ospedale rispetto ad un’esecuzione penale da mantenere nei limiti dell’umanità e della rieducazione».

I legali di Dell’Utri chiedevano il rinvio dell’esecuzione delle pena per grave infermità fisica o, in subordine la detenzione domiciliare. E la Cassazione ha disposto un nuovo esame da parte dello stesso giudice di sorveglianza che aveva respinto l’istanza e ora dovrà decidere alla luce dei rilievi. «Il giudice - sottolinea la Suprema Corte ribadendo quello che è un principio consolidato - deve valutare se le condizioni di salute del condannato, possano essere adeguatamente assicurate all’interno dell’istituto penitenziario o, comunque, in centri clinici penitenziari e se esse siano o memo compatibili con le finalità rieducative delle pena, con un trattamento rispettoso del senso di umanità, tenuto conto anche della durata del trattamento e dell’età del detenuto», bilanciando tutto questo «con la pericolosità sociale del condannato».
La stessa Corte si era già pronunciata sulla richiesta di liberazione anticipata dei legali di Dell’Utri nell’ottobre 2017, con una decisione contraria all’ex senatore, che sconta la condanna a 7 anni per concorso esterno in associazione mafiosa. A questa decisione si era rifatto il giudice di sorveglianza nel dire no ad un’analoga istanza, presentata meno di due mesi dopo la bocciatura. Ma, spiega la Cassazione, «ciò non può ritenersi corretto», poiché la valutazione deve essere necessariamente rinnovata e attualizzata «in parallelo all’evoluzione della situazione sanitaria» e di tale aspetto occorre dare conto nella motivazione.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO