home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Pregiudicato ucciso a Palermo, fermato lo zio della vittima

Dopo una seconda ispezione cadaverica, stabilito che è stata usata un'arma da fuoco anche se non è stato trovato il foro d'uscita del proiettile

Pregiudicato ucciso a Palermo, fermato lo zio della vittima

PALERMO -  È in stato di fermo lo zio di Dino Salvato il giovane di 29 anni ucciso in Fondo Picone ieri sera a Palermo. Le indagini sono state condotte dalla Squadra Mobile. L'uomo avrebbe confessato e ha ammesso di avere sparato. L'omicidio è stato commesso per futili motivi. È stata necessaria una seconda ispezione cadaverica per accertare la morte del giovane. Ancora la scorsa notte il medico legale non aveva stabilito che la morte era stata provocata da un colpo d’arma da fuoco. Non è stato trovato il foro di uscita del proiettile. Il fermato si chiama Alfonso Vela, 43 anni. Ieri dopo il delitto era fuggito. La pistola con la quale è stato commesso il delitto è una calibro 22 che è stata ritrovata grazie alle indicazioni dello stesso Vela.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO