home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Ecco la nuova rete ospedaliera siciliana: salvi i presìdi di Giarre e Acireale

I dettagli dello schema della riorganizzazione illustrati dall’assessore regionale alla Sanità Baldo Gucciardi ai sindacati. Il piano ora al vaglio del ministero della Salute

Ecco la nuova rete ospedaliera siciliana: salvi i presìdi di Giarre e Acireale

PALERMO - Salvo l’ospedale Giglio di Cefalù, stop al progetto degli ospedali di comunità che avrebbero avuto solo riabilitazione e lungodegenza e la riproposizione degli ospedali riuniti con le strutture che mantengono la propria autonomia. Sono alcuni dei dettagli dello schema della nuova rete ospedaliera illustrata stamani dall’assessore regionale alla Sanità Baldo Gucciardi ai sindacati. Il piano in questo momento è al vaglio del ministero della Salute.

 

Nel bacino Palermo-Trapani, l’ospedale Civico sarà affiancato dal Policlinico 'Giacconè e dagli ospedali riuniti Villa Sofia-Cervello. Il San Raffaele Giglio di Cefalù diventerà struttura di primo livello, così come l’ospedale Ingrassia, il Buccheri La Ferla, il Sant'Antonio Abate e l’ospedale di Marsala. A Partinico, Termini Imerese, Alcamo, Castelvetrano, Mazara del Vallo ci saranno presidi ospedalieri di base con pronto soccorso e posti di osservazione per i degenti. Manterranno le aree di emergenza Corleone, Petralia Sottana e Pantelleria.

 

Nel bacino Catania-Ragusa-Siracusa, gli ospedali di riferimento saranno il Cannizzaro, il Garibaldi e il Policlinico Vittorio Emanuele. Salvi anche gli ospedali riuniti di Giarre e Acireale, strutture di primo livello. Così come dipartimenti di primo livello saranno Caltagirone, Ragusa, gli ospedali riuniti di Vittoria e Comiso, Siracusa e i 'riunitì Avola e Noto. Biancavilla, Paternò, Modica-Scicli e Lentini manterranno il pronto soccorso. Bronte e Militello Val di Catania, quelli di area disagiata.

 

A Messina, il Policlinico rimane di secondo livello. Tra le strutture di primo livello Barcellona Pozzo di Gotto e Milazzo, il San Vincenzo di Taormina e il Papardo.

 

Nell’area Agrigento-Caltanissetta-Enna il Sant'Elia diventa dipartimento di emergenza-urgenza di secondo livello. Subito dopo gli ospedali di Agrigento, Sciacca e Ribera, il Vittorio Emanuele di Gela e l’Umberto I di Enna. Canicattì, Licata, Piazza Armerina e Nicosia le strutture di base.

 

Il piano della rete ospedaliera arriverà all’Ars tra qualche giorno per il parere obbligatorio. Poi approderà in giunta regionale, avendo già acquisito il parere del ministero. 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa