Notizie locali
Pubblicità

Adnkronos

Sapienza & Ponte: «Allarme furti in abitazione: in aumento scassi e occupazione abusiva. Ecco come difendersi»

Di Redazione

(Trieste, 7/7/22) - La maggior parte delle violazioni avviene forzando la porta d'entrata: la serratura a doppia mappa non è più sicura. I consigli dell'azienda giuliana, leader nel campo dei sistemi di sicurezza.

Pubblicità

Trieste, 7 luglio 2022. Cresce l'allerta furti nelle abitazioni: secondo i dati del Censis la porta d'ingresso è il punto d'accesso più colpito dai ladri.

«Al giorno d'oggi non esiste più la figura quasi caricaturale del ladro che rompe la finestra per penetrare nelle case altrui: è la porta principale ad essere più soggetta allo scasso. I malviventi moderni adottano tecniche e sistemi d'intrusione evoluti, lo dimostra il fatto che stanno aumentando i furti in abitazioni che dispongono di una porta blindata o di serrature che un tempo credevamo sicure come quelle a doppia mappa», esordisce Michele Carboncich, che coadiuva il padre Paolo nella gestione di Sapienza & Ponte, attività storica nel settore dell'installazione di sistemi e serrature di sicurezza per porte blindate e casseforti del capoluogo giuliano. L'azienda vanta 70 anni di attività ed è rinomata in Italia e all'estero: da 30 anni è gestita dalla famiglia Carboncich giunta oggi alla sua terza generazione.

Proprio la serratura a doppia mappa è la grande “imputata”, in quanto particolarmente debole agli attacchi esterni. «La serratura a doppia mappa non solo è ormai superata ma rappresenta un rischio per i proprietari di casa in quanto non è sicura e facilmente bypassabile con gli strumenti in uso ai ladri – prosegue Carboncich -. Cito tra tutti la cosiddetta “chiave bulgara” un attrezzo che, riproducendo fedelmente il profilo della chiave originale a doppia mappa, è in grado di aprire la porta blindata senza che la serratura venga smontata e la porta scardinata: non lascia segni, non fa rumore ed è attualmente l'attrezzo tra i più utilizzati. Incappare in malintenzionati, magari durante le ore notturne, o rischiare addirittura di tornare a casa e trovarla svaligiata se non addirittura occupata è una realtà molto concreta e il problema attiene non soltanto all'incolumità di sé e della propria famiglia, ma comporta anche un danno economico notevole in quanto le compagnie assicurative spesso non riconoscono la prova tangibile dell'effrazione poiché l'attrezzo usato non lascia alcun segno di scasso. La conseguenza è il mancato risarcimento del danno che si va ad aggiungere all'esperienza traumatica dell'intrusione».

Indispensabile è quindi adottare delle contromisure per la propria salvaguardia: un'alternativa alla serratura a doppia mappa è sicuramente la serratura a cilindro europeo, una soluzione di nuova generazione che garantisce sicurezza senza andare a stravolgere o modificare la porta che la accoglie. Con una spesa abbordabile è possibile dormire sonni tranquilli.

«Il primo consiglio che mi sento di dare – conclude Carboncich - è quello di sostituire la vecchia serratura con una a cilindro europeo, prestando anche un'attenzione particolare al livello di sicurezza del cilindro che verrà montato, e a chi non l'abbia ancora installata suggerisco inoltre di dotarsi di una porta blindata. Secondariamente, anche la scelta di affidarsi a professionisti del settore non deve essere lasciata al caso ed è determinante per

mettere in sicurezza la propria casa. Un acquisto consapevole necessita della consulenza di un esperto certificato che proponga la soluzione più adatta per il contesto e possa offrire un prodotto su misura di classe superiore, perfettamente aderente a specifiche esigenze di sicurezza. Il montaggio, inoltre, deve essere eseguito a regola d'arte da un installatore qualificato in modo che la porta sia solidamente ancorata al muro e mantenga le sue performance di resistenza e robustezza nel tempo. Una garanzia di durata, questa, che ci permette appunto di non temere più spiacevoli quanto pericolose intrusioni».

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: