Notizie locali
Pubblicità

Agrigento

I Vigili del fuoco di Lampedusa hanno vinto la loro battaglia

Grazie alla lotta del sindacato, rappresentato da Antonello Di Malta e dall'eurodeputato Pietro Bartolo: "Svolgeranno l’orario differenziato di 24 ore di lavoro e 72 di riposo"

Di Gaetano Ravanà

I vigili del fuoco residenti di Lampedusa hanno raggiunto l'obiettivo che si era prefissata la Uilpa, diretta da Antonello Di Malta, ossia inserire nel nuovo contratto di Lavoro 2022 la possibilità di poter svolgere l’orario differenziato di 24 ore di lavoro e 72 di riposo.

Pubblicità

"Grazie all'interesse dell'eurodeputato Pietro Bartolo - dice Di Malta - noi Angeli di Lampedusa, come ci ha sempre definiti e attraverso la nostra organizzazione Sindacale Territoriale e Nazionale, abbiamo vinto questa battaglia. Da anni, infatti, il personale residente a Lampedusa chiedeva la possibilità di svolgere l’orario di lavoro in 24/72, orario che non consentiva ai residenti di effettuarlo poiché non previsto dal vecchio contratto Nazionale".
Rivolgendosi a Bartolo, Di Malta, lo ha voluto ringraziare pubblicamente per la sua attenzione politica ai problemi dei Vigili del Fuoco: "purtroppo - continua Di Malta - è quella che è mancata, invece, in sede locale da altri pseudo rappresentanti politici, prova ne è stata la mancata concessione di un terreno comunale per la costruzione di una nuova caserma per i Vigili del Fuoco a Lampedusa,
un vero danno per i cittadini e i Vigili del Fuoco dell’isola. Saremmo ancora grati che insieme si percorra l’iniziativa che preveda la possibilità di indire un nuovo concorso pubblico per i Vigili del Fuoco, che preveda una riserva posti di almeno 40 unità per Lampedusa ed altre unità da quantificare per le rimanenti isole minori".

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA