Notizie locali
Giarre, Piazza Duomo, 2019, foto Giorgio Romeo

Sicilian Post

Da città dei servizi a città dormitorio: il sogno tradito di Giarre e la Sicilia che non cambia

Conosciuto suo malgrado come "capitale dell'incompiuto" il centro alle pendici dell'Etna è stato anche luogo di nascita e d'adozione di personaggi illustri, polo commerciale e centro dei servizi per un vasto hinterland. Oggi però la cittadina - specchio di tante altre realtà dell'Isola - reclama una risposta a una domanda

Sicilian Post Il blog di SicilianPost.it

 

Pubblicità

GIORGIO ROMEO

La frazione di Santa Maria La Strada rappresenta uno dei nuclei più antichi dell’attuale Giarre. Qui, infatti, la leggenda vuole che, intorno al 1081, Ruggero I di Sicilia, dopo aver espugnato Taormina ed Aci, sia stato vittima di un’imboscata saracena. Il conte invocò l’aiuto della Madonna e riuscì a mettere in fuga gli arabi. Così, in segno di ringraziamento, fece edificare un santuario dedicato alla Vergine Odigitria (colei che indica la strada) e una cisterna affinché potesse dare ristoro ai viandanti. Oggi del santuario medioevale non rimane pressoché nulla e la chiesa si presenta molto diversa da allora, mentre il pozzo ci ricorda ancora la sua antica origine e la sua funzione primaria. Per ironia della sorte, però, a Santa Maria la Strada e in particolare in una strada il cui nome sembra oggi una beffa, via dei Normanni, l’acqua nel 2021 non scorre quasi più, costringendo gli abitanti del luogo a continui disagi e disservizi. Attrezzati da anni con autoclavi e vasche (le quali in regime normale si riempiono solamente di notte vista la bassa pressione generale) gli abitanti del quartiere sono stati spesso e volentieri costretti a chiedere l’intervento di un’autobotte comunale (quando questa non è guasta). Recentemente il vicino comune di Riposto avrebbe messo a disposizione una “condotta aggiuntiva”, ma i lavori, mentre in Sicilia si registrano alcuni dei giorni più caldi dell’anno, pare non siano ancora cominciati. Del resto Giarre è in dissesto, e così l’ordinario diventa straordinario. L’unica cosa che rimane a un sindaco da fare, di fronte a problemi idrici che non riguardano solamente la frazione, è dunque pubblicare sul sito del Comune delle note in cui invita i cittadini «ad un uso [dell’acqua] ancora più moderato e consapevole di quello già attuato, anche in vista del protrarsi dell’eccezionale periodo di elevate temperature».

In alto, la piscina regionale di Giarre, realizzata nel 1985 e progettata dagli architetti S.Patané, N.Castorina e dall’ing. G.Pennisi, finanziata dalla Regione Siciliana (foto Gabriele Basilico per Alterazioni Video)


UNA CITTADINA TRASCURATA. La condizione della zona residenziale di Santa Maria La Strada, a nord di Giarre, periferica e trascurata, con la sua villetta comunale impraticabile e le strade piene di buche mai pulite dalla nettezza urbana, non è che la punta dell’iceberg di una situazione diffusa in una cittadina da sempre benestante, a suo modo ambiziosa, ma che non ha saputo – come tante altre realtà analoghe dell’hinterland, e per questo è opportuno parlarne, poiché vi sono tante, troppe Giarre in Sicilia – guardare al di là del proprio naso. Oggi più che la “città dei servizi” – come veniva presentata fino a non molto tempo fa, in virtù della presenza dei negozi, di un ospedale, di un tribunale, delle scuole e per un po’ perfino di un piccolo polo universitario, che servivano i paesi del circondario – Giarre si presenta come poco più di un dormitorio, assopita e silente in assenza di una vera e propria prospettiva e senso di sé.

CAPITALE DELL’INCOMPIUTO. Ma per cosa è famosa Giarre nel mondo? Attraverso una rapida ricerca nell’archivio del New York Times scopriamo che essa è stata citata in varie occasioni [clicca qui e continua a leggere su Sicilian Post]

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA