Notizie Locali


SEZIONI
Catania 26°

Catania

La “preghiera” di Claudio Fava su Fb: «Seppelliamo i morti una volta per tutte»

Di Redazione |

PALERMO – A due giorni dall’anniversario della strage di via D’Amelio, il presidente della Commissione regionale antimafia, Claudio Fava, lancia l’invito a «seppellire i morti, una volta per tutte». Fava è il figlio del giornalista Giuseppe, ucciso dalla mafia il 5 gennaio 1984. Claudio Fava, che è stato anche un giornalista, pubblica su Facebook la sua “Libera nos”.

«Che si tratti del «19 luglio, del 23 maggio, o del 5 gennaio: credetemi, non fa differenza». Nell’intervento in forma di preghiera, Fava afferma: «Liberaci dalle interviste ai “parenti delle vittime” (come se gli altri fossero solo forestieri). Liberaci dalle parole false della nostra consolazione: eroi legalità antimafia servitori dello Stato. Liberaci dagli scortati che piangono davanti alle telecamere. Liberaci dall’antimafia stampata sui biglietti da visita (giornalisti antimafiosi, sindaci antimafiosi, giudici antimafiosi). Seppelliamo i morti, una volta per tutte. E togliamoci il lutto, per piacere. E affrontiamo la vita». L’unico modo per «essere degni di quei morti è stare dentro la vita; prendere schiaffi, e restituirli; rischiare la pelle (se proprio è necessario) ma senza rimirarsi allo specchio; dirsi peccatori, ma inginocchiarsi a lavare i piedi dell’altro per fare ammenda di quei peccati; sorridere e ridere e ricordare i morti quando furono vivi e seppero parlarci – con affetto, a bassa voce – delle loro vite imperfette; cercare la verità, senza alcuna maiuscola, sapendo che costa pegni, fatica e notti senza sonno; attraversare le terre di mezzo a piedi, scalzi, senza scorte fanfare sciabole titoli e cravatte». Con una convinzione: «Sono sicuro che Paolo Borsellino, e tutti gli altri, lo apprezzeranno».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA