Notizie locali
Pubblicità

Catania

“Buongiorno Catania, vi auguro una bellissima giornata di merda”

Censurati i maxi poster con l'"augurio" di Angelo Duro che annunciano il suo spettacolo

Di Simone Russo

Angelo Duro è stato censurato. I manifesti del comico palermitano per annunciare il suo spettacolo a Zafferana Etnea a qualcuno non sono proprio piaciuti. Duro, infatti, per invitare i catanesi ad andare ad assistere all’unica tappa siciliana del suo show “Da Vivo”, che si svolgerà l’8 agosto all’anfiteatro Falcone e Borsellino, ha scelto di far posizionare dei “maxi” manifesti con la scritta “Buongiorno Catania, vi auguro una bellissima giornata di merda”.  La parte finale di questo “augurio”, però, non è stata gradita e in quasi tutti i manifesti affissi in giro per Catania è stata posizionata una striscia colorata che “trasforma” la frase in “Buongiorno Catania, vi auguro una bellissima giornata”. In realtà, il messaggio di Angelo Duro non era proprio questo. Questa volta, purtroppo, i catanesi hanno “perso” l’ironia che li contraddistingue.
Angelo Duro è uno dei comici più bravi e spietati del nostro paese. Lui è rissoso, scontroso e respingente. Con la sua comicità dissacrante ha sdoganato gli stereotipi del comico e ha colpito nel segno con il suo inconfondibile carattere scontroso e, attraverso i suoi racconti e i suoi ragionamenti, porta il pubblico alla riflessione su temi universali, fino a smuovere le coscienze. 
Con lo spettacolo “Da Vivo” descrive proprio la sua voglia di essere riconosciuto adesso, appunto “Da vivo” e non dopo. Come ha dichiarato, in questo spettacolo si autocelebra. Racconta quello che vive. «Da Vivo - ha spiegato - è l'unica àncora di salvezza. L'unico modo per fuggire dall'idiozia ed uscire dalla propria zona di comfort. Serve a crescere. Chi viene a vedermi, dichiara pubblicamente che ha ottimi gusti. Comunica agli altri di essere intelligente. Acquistare il mio biglietto vuol dire comunicare alla società che c'è ancora la possibilità di andare a vedere un qualcosa che lascerà un segno».

 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: