Notizie locali
Pubblicità

Covid-19

La Sicilia verso la zona arancione, ecco quando secondo le previsioni del matematico Sebastiani (Cnr)

L'esperto: «Entro una settimana, intorno al 13 gennaio, si dovrebbe raggiungere il picco della circolazione del virus in Italia

Di Redazione

«Se come usualmente avviene le zone gialle e arancioni saranno stabilite domani sulla base dei dati relativi al martedì precedente, allora dovrebbero passare al giallo le Regioni Abruzzo, Emilia Romagna, Valle d’Aosta e Toscana, mentre la Liguria dovrebbe passare in fascia arancione». Lo afferma all’ANSA il matematico Giovanni Sebastiani dell’Istituto per le Applicazioni del Calcolo "M.Picone" del Consiglio Nazionale delle Ricerche (Cnr). 

Pubblicità

Inoltre, sottolinea Sebastiani, «il Piemonte, l’Umbria e la Valle d’Aosta rischiano di passare in arancione, sulla base dei dati, in una settimana; la Sicilia in 10 giorni; la Lombardia, le Marche, la Toscana, la Calabria e l’Emilia Romagna in due settimane; il Lazio in due settimane e mezza». 

«Se continuasse questo trend, entro 40 giorni supereremmo a livello nazionale il 30% di occupazione nelle terapie intensive ed entro un mese il 40% nei reparti ordinari, mentre per l’incidenza nazionale siamo già a 1.640 casi su 100mila abitanti: questo significa che i tre parametri per l’ingresso in zona rossa sarebbero superati a livello nazionale in 30-40 giorni, ma ovviamente - afferma - ci potrebbero essere differenze tra le singole Regioni». 

 

 

Quanto al picco, «entro una settimana, intorno al 13 gennaio, si dovrebbe raggiungere il picco della circolazione del virus in Italia, misurato in termini dei positivi ai test molecolari. Poi la circolazione virale scenderà, ma restano le incognite legate all’aumento dei contatti sociali nelle giornate di shopping per i saldi e per vederne gli effetti - conclude - si dovranno aspettare un paio di settimane».


 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA