Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

Piantagione con 310 piante di cannabis scoperta ad Altofonte: due arresti

La crescita delle piante era garantita da lampade alogene e ventilatori, alimentati grazie a un allaccio abusivo alla rete elettrica, scoperto con l’ausilio di personale Enel

Di Redazione

I carabinieri della stazione di Altofonte hanno arrestato un 65enne e un 30enne con l’accusa di coltivazione e produzione di sostanza stupefacente, furto aggravato di energia elettrica, detenzione abusiva di armi e ricettazione. I militari nel corso di un controllo nel territorio del Comune di Santa Cristina Gela, hanno scoperto un casolare abbandonato, dove c'era una coltivazione di cannabis.

Pubblicità

A sorvegliare le 310 piante è stato trovato il 30enne, di origine straniera, che aveva trascorso la notte per vigilare sull'estesa piantagione. La crescita delle piante era garantita da lampade alogene e ventilatori, alimentati grazie a un allaccio abusivo alla rete elettrica, scoperto con l’ausilio di personale Enel. La perquisizione ha permesso, inoltre, ai carabinieri di sequestrare 2 chili e mezzo di marijuana confezionata in buste, una pistola calibro 7,65 con caricatore con matricola abrasa e 36 cartucce, nonché altre 5 cartucce cal.12. Il 30enne è accusato di coltivazione e produzione di sostanza stupefacente, furto aggravato di energia elettrica, detenzione abusiva di armi, ricettazione, nonché resistenza a pubblico ufficiale. Il gip di Termini Imerese ha disposto la custodia cautelare in carcere per il 30enne e successivamente anche per il 65 enne palermitano proprietario del casolare e del terreno, già indagato in passato. Una volta cresciute, estirpate, essiccate, triturate e vendute al dettaglio, le piante avrebbero potuto fruttare diverse migliaia di euro. Le piante sequestrate verranno analizzate dal laboratorio analisi sostanze stupefacenti del comando provinciale di Palermo. 
 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: