Notizie Locali


SEZIONI
Catania 14°

Catania

Piscine abusive in due ville del Parco dell’Etna scoperte via satellite dai carabinieri: ordinata la demolizione

Le costruzioni illegali scoperte nell’ambito di un servizio di controllo finalizzato alla prevenzione del dissesto idrogeologico

Di Redazione |

Abusivismo edilizio nel Parco dell’Etna. È stato scoperto dai carabinieri della Stazione di Santa Maria di Licodia (Catania), nell’ambito di un servizio di controllo finalizzato alla prevenzione del dissesto idrogeologico. Sono stati denunciati un 74enne di Belpasso, una 60enne di Santa Maria di Licodia ed un 62enne di Biancavilla a vario titolo proprietari o usufruttuari di due distinte ville costruite all’interno del Parco, per “violazioni in materia urbanistico-edilizia”.

I carabinieri hanno scoperto le violazioni attraverso indagini eseguite anche tramite la visione di immagini satellitari con le quali hanno individuato due ville ubicate rispettivamente in Strada Cavaliere Bosco e in Strada Crovacchi nel Comune di Santa Maria di Licodia alle pendici del Monte Etna, nonché, due piscine non autorizzate costruite negli ultimi anni.

I successivi accertamenti e i conseguenti sopralluoghi, effettuati dai Carabinieri insieme al personale dell’ufficio tecnico del Comune di Santa Maria di Licodia, hanno permesso di constatare l’effettiva costruzione di sfarzose piscine, verande e locali abitativi, senza il possesso di alcun titolo abilitativo, all’interno dell’area denominata “Zona D” del Parco dell’Etna e per quanto tale soggetta a vincolo.

Nel corso delle indagin , i militari della Stazione di Santa Maria di Licodia hanno inoltre accertato come il 62enne usufruttuario della villa in contrada Crovacchi e il possessore della seconda villa in strada Cavaliere del Bosco (altro soggetto non denunciato), fossero soggetti pluripregiudicati e attualmente imputati per associazione a delinquere di tipo mafioso.

Il Comune di Santa Maria di Licodia ha già ordinato la demolizione dei manufatti abusivi entro 90 gg a spese dei denunciati, termine oltre il quale in caso di inottemperanza la proprietà degli immobili sarà trasferita al Comune.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA