Notizie locali
Pubblicità

Economia

Borsa: Milano -2% con stacco cedole e guerra in Ucraina

Rendimento decennale su massimi fine maggio 2019

Di Redazione

MILANO, 19 APR - Piazza Affari si tinge ulteriormente di rosso con 8 big (Stellantis, Ferrari, Cnh, Unicredit, Banco Bpm, Mediolanum, Prysmian, Campari) che staccano la cedola. Il Ftse Mib lascia sul terreno il % a 24.385 euro. Lo spread tra Btp e Bund è stabile nell'area dei 163 punti mentre il rendimento del decennale aggiorna i massimi a maggio 2019 salendo fino al 2,58%. A pesare sull'indice, così come per buona parte delle europee che peggiorano (Francoforte -1,15, Parigi -1,23%), anche le incognite legate al conflitto in Ucraina mentre il ministro degli esteri di Mosca Sergej Lavrov ha indicato che la Russia ha iniziato la seconda fase dell'operazione speciale. Sotto la lente Stellantis (-5,6%) che ha anche annunciato la sospensione della produzione in Russia. E resta il faro su Banco Bpm (-4,8%) mentre secondo la Repubblica, Credit Agricole nei giorni scorsi avrebbe recapitato un'offerta non vincolante per la bancassicurazione. Attività che, secondo indiscrezioni, farebbe gola anche ad Axa. Cedente Atlantia (-0,44%) poco sotto i 23 euro dell'opa Benetton-Blackstone. Tra i più acquistati Iveco (+2,2%) e Saipem (+1,97%).

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: