Notizie locali
Pubblicità

Enna

Operaio ennese muore in un incidente sul lavoro a Lanciano

Aveva 37 anni ed è stato travolto da una frana in uno scavo. Era originario di Agira

Di Redazione

Aveva 37 anni ed era originario di Agira in provincia di Enna l’uomo che ha perso la vita nell’incidente avvenuto in un cantiere a Lanciano, travolto dal terreno che ha ceduto in uno scavo profondo oltre quattro metri. Dipendente della società Tre Colli spa, che in quel tratto sta lavorando per la SGI - Società Gasdotti Italia alla realizzazione del metanodotto Larino-Chieti, il giovane aveva appena concluso un sopralluogo nel canale dal quale era risalito insieme al collega, poi è tornato sul posto per recuperare una mola. E’ stato in quel momento che una parete dello scavo ha ceduto, probabilmente a causa del terreno appesantito dalle abbondanti piogge dei giorni scorsi. La Procura di Lanciano, che ha aperto un’inchiesta, non ha disposto l’autopsia e ha restituito la salma alla famiglia. 
 «Apprendo della terribile notizia - ha dichiarato il sindaco di Lanciano, Mario Pupillo - della morte di un operaio di soli 37 anni impegnato nei lavori del gasdotto nel tratto di Marcianese-Torre Marino di Lanciano, mentre sono a Roma per la grande manifestazione a difesa del ruolo e della funzione costituzionale che svolgono i sindacati. È inaccettabile che nel 2021 si muoia sul posto di lavoro, lo è ancora di più in una giornata come questa, dove bisogna urlare con ancora più voce che il diritto al lavoro non esiste senza diritto e dovere della sicurezza sul lavoro. Alla famiglia del giovane operaio esprimo le più sentite condoglianze e profonda vicinanza a nome mio e della Città di Lanciano». 
 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA