Notizie locali
Pubblicità

Gossip

Wanda Nara-Icardi: la pace è vicina

Il calciatore posta foto di lei e frasi di amore. La moglie insulta "l'altra", la modella China Suarez che ha raccontato la sua versione dei fatti: "Lui mi ha ingannata, mi ha  detto che erano separati".

 

Di Redazione

Nuova puntata della soap Icardi-Wanda  Nara seguita dagli spettatori di una partita di calcio della nazionale: più di 16 milioni di follower. Sembra che Icardi stia facendo di tutto per farsi perdonare il tradimento con la modella China Suarez (bellissima, 29 anni, sposata e madre di tre figli) e che abbia accettato di sottoporsi alla gogna mediatica del traditore pentito.

Pubblicità

"Grazie amore mio per aver continuato a fidarti di questa famiglia, sei il motore delle nostre vite. Ti amo. Quanto fa male ferire i tuoi cari. Ne guarisci solo quando sei perdonato da chi hai ferito", "Feliz Dìa Mamucha", "Abbracciami forte" scrive il giocatore sui suoi social. E per dimostrare il cambiamento ha smesso di seguire altri account tranne quello della moglie. 

Wanda per ora non risponde e medita sull'espiazione planetaria. E a Parigi si fa fotografare in abito di paillette e le consuete pose da diva ma senza la fede al dito.  Lasciando in sospeso tante domande. Continuerà a vestire i panni di agente per il consorte-calciatore? I figli torneranno tutti a casa o quelli avuti da Maxi Lopez saranno ancora accuditi dall'ex corso, pare, a Parigi in piena tempesta familiare. E Icardi tornerà in campo?

Intanto la modella tirata in ballo racconta la sua versione dei fatti.  «Credo nell’amore libero», racconta Eugenia Suarez detta China a «Los angeles de la manana». E su Instagram racconta che il rapporto con Icardi era cominciato perché lui le aveva raccontato di essere separato di fatto.  "Sono stata ingannata, lui mi ha detto che erano separati". Wanda replica subito sui social: «Della mia famiglia mi preoccupo io, delle cagne la vita stessa». 

 

 

 

 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: