Notizie locali
Pubblicità

ipress news

BonuSicilia, 3,2 milioni di euro per le microimprese di 8 Comuni etnei: «Opportunità da cogliere entro il 6 giugno 2022»

Di Redazione

BIANCAVILLA – Un’importante occasione da cogliere per le imprese del territorio, che passa dall’informazione dei professionisti: un treno da non perdere quello del BonuSicilia CLLD, in scadenza il prossimo 6 giugno e oggetto di discussione nei giorni scorsi a Villa delle Favare a Biancavilla. Ad accendere i riflettori sul tema l’Ordine dei Commercialisti e degli Esperti Contabili di Catania, insieme al GAL dell’Etna. 

Pubblicità

«Nonostante sia stata avviata già una massiccia campagna informativa, sono state ancora presentate poche domande – ha osservato il presidente del GAL Enzo Maccarrone – abbiamo individuato nei commercialisti i soggetti più adatti per veicolare capillarmente questo bando, facendo una corsa contro il poco tempo rimasto a disposizione». Il BonuSicilia è rivolto alle microimprese di otto Comuni appartenenti al GAL: Belpasso, Bronte, Catenanuova, Maletto, Maniace, Paternò, Ragalna e Santa Maria di Licodia. «Nello specifico – ha aggiunto Maccarrone – i finanziamenti a fondo perduto sono destinati alle società che abbiano un fatturato inferiore ai 2 milioni di euro l’anno e un massimo di 10 dipendenti». 

Tra le altre condizioni l’iscrizione alla Camera di Commercio, il DURC in regola, lo SPID, la firma digitale e una sede legale e/o operativa in uno degli 8 Comuni. Esclusi, invece, Adrano, Biancavilla e Centuripe, inseriti nelle “Aree interne” e beneficiari di altri fondi, che, nel caso di BonuSicilia, ammontano a 3,2 milioni di euro. «Ogni impresa potrà ottenere fino a 5mila euro di nuove risorse, previa domanda attraverso la piattaforma digitale predisposta dal Dipartimento Regionale delle Attività Produttive», ha spiegato Tito Giuffrida, vicepresidente dei Commercialisti etnei (Ordine presieduto da Salvatore Virgillito). «Le nostre imprese vivono un momento difficile: poter beneficiare di questi fondi, che verrebbero erogati entro la fine di giugno 2022, rappresenta una grande opportunità – ha proseguito Giuffrida – per questo, come professionisti, siamo pronti a dare sostegno e aiuto a coloro che avranno bisogno del nostro supporto». Un’azione concreta in risposta al ruolo professionale e sociale dei Commercialisti, che «saranno operativi su tutto il territorio della provincia di Catania, assicurando formazione e informazione», ha sottolineato il vicepresidente della categoria etnea. 

Ad approfondire l’argomento le relazioni di Sebastiano Impallomeni e Salvatore Battiato del GAL, lasciando spazio alle conclusioni e riflessioni del responsabile di piano GAL Etna Andrea Brogna. Tra i presenti alcuni deputati regionali, invitati a raccogliere la richiesta di elargire maggiori risorse in futuro.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA