Notizie Locali


SEZIONI
Catania 27°

agenzia

Corte Conti, da IA in campo giuridico vantaggi e preoccupazioni

'Riguardo a rischi e trasparenza decisioni basate su algoritmi'

Di Redazione |

GENOVA, 01 MAR – “Le innovazioni digitali possono offrire vantaggi, come una maggiore certezza nel diritto e l’uniformità nelle interpretazioni legali, ma comportano anche serie preoccupazioni riguardo ai rischi e alla trasparenza delle decisioni basate su algoritmi”. Emma Rosati, presidente della sezione Liguria della Corte dei conti ha aperto la sua relazione all’inaugurazione dell’anno giudiziario parlando proprio di intelligenza artificiale, giurimetria e giustizia predittiva. “La giurimetria è l’applicazione dell’informatica al diritto, mentre la giustizia predittiva utilizza algoritmi complessi per prendere decisioni giudiziarie o prevedere gli esiti delle decisioni” ha spiegato. Ad oggi gli Stati Uniti sono avanti nel settore, mentre in Italia e in Europa è ancora in fase sperimentale ma è un tema molto discusso. “C’è sicuramente un vantaggio – spiega ancora a margine della cerimonia Emma Rosati -, perché viene raccolta un’enormità di dati. Dati che sono soprattutto simili, per cui si possono avere sentenze meno discrezionali nel senso che casi analoghi sono trattati allo stesso modo perché da una serie di dati si riesce ad arrivare a quella che potrebbe essere la soluzione di quel caso. Però, e questo è molto grave, alla fine i dati che vengono introdotti attraverso questo algoritmo che li elabora potrebbero essere alterati. Perché se i dati immessi in partenza contenessero pregiudizi o discriminazioni, potrebbero essere amplificati dagli algoritmi di apprendimento automatico portando a sentenze sbagliate e soprattutto ingiuste. Per questo noi operatori del diritto siamo molto attenti e stiamo seguendo questa evoluzione. E’ fondamentale garantire la qualità, l’imparzialità e la trasparenza dei dati utilizzati nei sistemi di giustizia predittiva e provvedere a regolamentarla in modo serio e approfondito”.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: