Notizie locali
Pubblicità

Italia

Da ladro di merendine a interprete ucraino per la Caritas

A 17 anni chiede la messa alla prova

Di Redazione

ANCONA, 17 MAG - Da ladro di merendine a traduttore per la Caritas, per aiutare i profughi in fuga dalla guerra in Ucraina. E' la storia di un 17enne ucraino che vive da anni ad Ancona con la madre. Quattro anni fa il minorenne è stato denunciato per furto aggravato perché insieme ad altri amici aveva saccheggiato un distributore automatico di snack e bevande all'interno di un negozio di prodotti self-service aperto h24, nel quartiere Adriatico, vicino al Passetto. Il vetro della macchinetta era rotto, così il 17enne e altri cinque minorenni erano arrivati con un carrello della spesa per prendere tutto quello che c'era dentro. Poi erano andati a fare baldoria in spiaggia, al Passetto, prendendo l'ascensore pubblico, le cui telecamere di sicurezza avevano ripreso tutto. La polizia ci aveva messo poco tempo per individuare il gruppetto, tornato dalla spiaggia e fermato dagli agenti qualche centinaio di metri più in là, a piazza Diaz. I ragazzi furono tutti denunciati per furto aggravato. Per due di loro, l'ucraino e un albanese, oggi era prevista l'udienza preliminare al Tribunale dei minorenni di Ancona, dopo che la Procura aveva chiesto il rinvio a giudizio, ma entrambi hanno chiesto la messa alla prova per evitare il processo. La richiesta è stata accolta dalla giudice Laura Seveso e durerà otto mesi. L'ucraino, che è uno studente di scuola superiore, ha scelto di rendersi utile proprio nell'organismo pastorale che in questo momento è vicino ai suoi connazionali. Finita la messa in prova, il 17enne si è detto anche pronto a tornare in Ucraina per difendere il suo paese se la guerra ci sarà ancora. L'albanese, oggi 18enne, farà volontariato alla Mensa del Povero di Padre Guido.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA