Notizie locali
Pubblicità

Italia

Manager arrestato: Di Fazio va ai domiciliari in comunità

Gip, 'ha preso coscienza estrema gravità delle sue condotte'

Di Redazione

MILANO, 21 FEB - Antonio Di Fazio, il manager arrestato per violenza sessuale nei confronti di sei donne fra cui la sua ex moglie, esce da San Vittore, dove era detenuto dallo scorso maggio, per andare ai domiciliari in una delle comunità terapeutiche Crest, il centro per lo studio e la terapia dei disturbi della personalità. Lo riporta la Stampa, spiegando che la decisione è stata presa dal gip di Milano Anna Maganelli su parere favorevole della procura tenendo in considerazione il percorso psicoterapeutico che ha iniziato e che "lo ha portato a prendere coscienza della estrema gravità delle condotte tenute" Fra i motivi per cui ha acconsentito alla richiesta presentata dai difensori di Di Fazio, il giudice ha scritto che c'è "il forte legame con il figlio che lo avrebbe fatto desistere dal serio tentativo suicidiario per impiccagione intentato il 29 settembre scorso". Tentativo che in una dichiarazione intestata all'ufficio di polizia giudiziaria il 30 settembre lo stesso Di Fazio ha smentito: "Né ieri né mai durante la mia fase processuale - ha assicurato - ho pensato di suicidarmi o farmi del male. Probabilmente una frase da me pronunciata al medico è stata male interpretata". Ma fra le parti offese, spiega la Stampa, c'è chi si è indignato per la concessione dei domiciliari, anche alla luce delle relazioni all'autorità giudiziaria degli psicologi proprio sugli incontri padre-figlio in cui si sono visti anche atteggiamenti e commenti "fuori luogo", come "descrizioni sensazionalistiche" della vita in carcere, proposte di matrimonio arrivate da sue fan e un atteggiamento dispregiativo nei confronti delle donne: "Solo P. è stata una donna con la D maiuscola... con le altre (fidanzate) ci laviamo i pavimenti...', avrebbe detto Di Fazio.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA