Notizie locali
Pubblicità

Italia

Nicola sta bene, ma i dubbi sono ancora tanti

Nicola è in buone condizioni, ma gli investigatori stanno cercando di capire che cosa (e come) sia accaduto

Di Michele Giuntini

Ha ancora tanta paura il bambino dei boschi, Nicola Tanturli, che dopo un giorno in ospedale è tornato con la mamma Giuseppina nella sua casa, tra pascoli, capre, oche, cani nel mezzo di un Appennino incontaminato. Sta bene ma non gradisce persone estranee vicino a casa mentre gioca (cronisti raggiungono l’abitazione nel bosco) e la famiglia ha fatto sapere che desidera essere lasciata in pace.

Pubblicità

Nicola è ancora molto provato, spaventato. Al pediatrico Meyer ha dormito e mangiato, ma non basta, d’altronde il bimbo è stato circa 30 ore senza cibo tra i castagneti di Campanara prima di essere ritrovato. In ospedale, riferiscono i medici, ha trascorso una notte tranquilla e ha riposato insieme alla mamma. Poiché le sue condizioni sono apparse buone, è stato dimesso.

Dunque in giornata è tornato nella "sua" montagna, quella dove ha trascorso due notti al buio tra la sera del 21 giugno e la mattina del 23. Ha meno di due anni, non può raccontare cosa e come ha fatto. Sui suoi tragitti ci sono solo ipotesi. Per le autorità, procura e carabinieri, l'allontanamento dalla casa è stato volontario, quindi casuale e coerente con la vita all’aria aperta e libera che la famiglia conduce. 

Dai racconti della popolazione viene fuori che anche il fratello più grande, adesso di 4 anni, circa un anno fa si allontano da casa. Lo recuperò nella sua proprietà un abitante, un "vicino", oltre 2 km più lontano, in queste realtà le distanze si dilatano rispetto alle aree urbane. Un episodio riaffiorato nei ricordi mossi da questa vicenda ma che non ebbe lo stesso rilievo perché accadde di giorno e si risolse velocemente senza necessità di attivare un piano di soccorso come è dovuto succedere per Nicola, finì tutto lì.

Questi bambini sono soliti seguire i genitori anche nella conduzione delle capre lungo più sentieri che si dipartono dalla sterrata principale e si incrociano per centinaia di ettari. Plausibile che Nicola, con la luna piena, abbia seguito una di queste vie da pastori e poi si sia smarrito, zigzagando tra prati e foresta, forse dormendo al riparo di edifici rurali abbandonati. Il punto del ritrovamento è una scarpata ripida che ha un sentiero percorribile da cui si accede a un vallone e poi a pascoli: potrebbe esser provenuto da là, aver tentato di raggiungere dal basso - anziché caderci - la strada carrabile che corre sopra e che per due giorni è stata molto transitata da veicoli e persone, che anche lui può aver visto.

La distanza coperta, almeno 3 km in terreno impervio, è comunque enorme per l'età e le forze fisiche disponibili per un bimbo di 21 mesi, tanto più che di notte a circa 1000 metri di altitudine le temperature, pur in estate, calano, c'è escursione termica. E' certo invece che Nicola abbia camminato indossando scarpe, sandali da bambino, le stesse calzature con cui sarebbe stato messo a dormire verso le 18 - così raccontava il padre Leonardo - del 21 giugno, successivamente ha saputo uscire dalla casa, riuscendo a raggiungere ed aprire la porta. Poi, all’aperto, ha sfruttato l’ultima luce del giorno, peraltro il 21 giugno è quello più lungo dell’anno, quindi si è perso nel buio. 
I carabinieri hanno inviato tutti gli atti alla procura che ha aperto un fascicolo senza ipotesi di reato né indagati. Viene escluso quello di abbandono di minore perché al momento non si ravvisa il dolo di nessuno. Gli accertamenti dovrebbero essere trasmessi anche alla procura dei minori per valutare, sotto l’aspetto civilistico, eventualmente, se del caso, azioni a tutela del minore. «C'è stato un momento in cui la sera del 22 giugno tutti pensavamo al peggio, poiché nelle ricerche nulla accadeva nonostante l’impegno eccezionale: e cioè pensavamo al pericolo che gli animali selvatici, lupi, cinghiali, avessero fatto qualcosa a Nicola», ha rivelato il presidente della Toscana, Eugenio Giani, alla cerimonia in cui ha consegnato il Pegaso della Regione al sindaco Gian Piero Philip Moschetti, al giornalista Giuseppe Di Tommaso ed al luogotenente dei carabinieri Danilo Ciccarelli che ha recuperato il piccolo disperso. In cattedrale il cardinale Giuseppe Betori ha parlato di «giorno di gioia per Firenze, nel segno della nascita del suo patrono» San Giovanni «che mi piace legare a quella seconda nascita che è stato il ritrovamento del piccolo Nicola». 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA