Notizie Locali


SEZIONI
Catania 25°

Lo dico

Il declino nascosto dietro il nuovo look dello Stadio Massimino

Di Redazione |

Catania, 18 Febbraio 2024- A pochi mesi dall’elogio dello stadio Angelo Massimino, che risplendeva sotto i riflettori per il suo rinnovato aspetto, ci troviamo a dover riportare una crescente problematica legata alla manutenzione e al decoro dell’impianto sportivo catanese.Era l’8 ottobre 2023 quando i riflettori del Massimino al Cibali, rinnovati nelle strutture e nell’aspetto, accendevano nelle menti e nei cuori dei tifosi etnei la speranza di una nuova era. Tuttavia, il lascito di una gestione attenta non sembra aver avuto il seguito sperato. Oggi ci troviamo a confrontare quella che avrebbe potuto essere una rinascita con una realtà fatta di indifferenza per il bene comune e di manutenzione lacunosa.La mancanza di cestini per il conferimento dei rifiuti, segnalata tempo addietro, resta una delle mancanze più eclatanti. In un’epoca in cui la tutela ambientale si fa sempre più pressante, il nostro stadio si trova impreparato a gestire un bisogno basilare: la raccolta dei rifiuti.La società e il Comune di Catania hanno compiuto sforzi encomiabili per presentare uno stadio degno di questo nome, ma la gestione quotidiana dei dettagli trascura aspetti fondamentali. Per un tifoso consapevole e attento come un cittadino doc, comportarsi in maniera civile diventa un percorso a ostacoli: fazzolettini usati e rifiuti vari diventano compagni di tasca fino al ritorno a casa, in mancanza di una soluzione più adeguata.Lo scenario si complica ulteriormente quando si considerano i servizi igienici dell’impianto: gli stessi che qualche tempo fa furono oggetto di elogi per gli interventi migliorativi, ora patiscono sotto il peso di una mancanza di manutenzione che porta all’accumulo di residui inestetici e decadenza.

Il confronto tra ottobre e oggi è impietoso, e si nota come l’educazione di una parte dei frequentatori dello stadio lasci a desiderare, ma è altrettanto evidente che senza una manutenzione costante e senza infrastrutture adeguate, non può esserci un decoro che perduri.Questa sera, il Massimino sarà teatro della partita tra il Catania e la Juve Stabia. Mentre la folla si raduna in attesa del calcio d’inizio e del tifo per la nostra squadra di casa, c’è chi auspica che oltre a un risultato positivo in campo, si possa assistere a un’immediata inversione di rotta nella cura e nel mantenimento delle strutture dello stadio.Un appello, quindi, al nostro Sindaco Trantino e allo staff dirigenziale: l’operato svolto fino a oggi è di vitale importanza per la comunità e per la squadra del nostro cuore, ma è altrettanto fondamentale garantire che l’intervento non resti un episodio isolato e che lo stadio possa mostrarsi degno, partita dopo partita, dell’amore e del supporto dei suoi tifosi.Alfio PapaCOPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA