Notizie locali
Pubblicità

Mondo

Onu, 20 milioni rischiano la fame nel Corno d'Africa

Le ritardate piogge peggiorano la terribile siccità

Di Redazione

NAIROBI, 19 APR - Venti milioni di persone sono a rischio di morire di fame quest'anno poiché le ritardate piogge peggiorano la terribile siccità in Kenya, Somalia ed Etiopia. A mettere in guardia è l'Onu. L'estrema siccità durata mesi ha lasciato il Corno d'Africa sull'orlo di una catastrofe umanitaria, distruggendo raccolti e bestiame e costringendo un gran numero di persone a lasciare le proprie case in cerca di cibo e acqua. Poiché le piogge tanto attese non si materializzano da quasi un mese nell'attuale stagione delle piogge, "il numero di persone affamate a causa della siccità potrebbe aumentare dagli attuali 14 milioni a 20 milioni fino al 2022", ha annunciato il Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite (Wfp) . Sei milioni di somali, ovvero il 40 per cento della popolazione, stanno affrontando livelli estremi di insicurezza alimentare e c'è "un rischio molto reale di carestia nei prossimi mesi" se le condizioni attuali persistono, ha affermato il Wfp. In Kenya, mezzo milione di persone è sull'orlo di una crisi di fame, con le comunità del nord del Paese particolarmente a rischio a causa della loro dipendenza dal bestiame. Nel frattempo i tassi di malnutrizione nell'Etiopia meridionale e sudorientale colpite dalla siccità sono aumentati al di sopra delle soglie di emergenza, mentre il nord del Paese è vittima di una guerra che dura 17 mesi tra le forze governative e i ribelli del Tigri. Le terribili condizioni sono state esacerbate dal conflitto in Ucraina, che ha contribuito all'aumento dei prezzi di cibo e carburante e all'interruzione delle catene di approvvigionamento globali, ha proseguito il Wfp.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA