Notizie locali
Pubblicità
"Sistema Montante", al via processo d'appello per 5 imputati

Caltanissetta

Accusa di calunnia, rigettata archiviazione per Antonello Montante

Di Redazione

PALERMO - ll gip di Caltanissetta ha rigettato per la seconda volta la richiesta di archiviazione nei confronti di Antonello Montante e Alfonso Cicero che il prossimo 11 febbraio, dunque, si troveranno sul banco degli imputati per difendersi dalle accuse di calunnia, diffamazione e accesso abusivo a sistema informatico. I due, quando ricoprivano rispettivamente la carica di presidente di Confindustria Sicilia e presidente dell’Istituto regionale per lo sviluppo delle attività produttive, avrebbero attuato un piano per screditare l'avvocato Salvatore Iacuzzo, che era stato direttore dell’Area di sviluppo industriale di Caltanissetta dal 1998 al 2007, personaggio, secondo i pm, non gradito all’establishment di quello che è stato definito «sistema Montante».

Pubblicità

Il gip del Tribunale di Caltanissetta, Gigi Omar Modica, ha rigettato per la seconda volta la richiesta di archiviazione accogliendo l’opposizione presentata dall’avvocato Gioacchino Genchi, difensore di Iacuzzo. Il 10 luglio 2014, alla Commissione Antimafia, Cicero aveva fatto molti riferimenti all’avvocato Iacuzzo, riferendo che «il pentito Siino aveva detto che al direttore generale dell’Asi Iacuzzo erano stati prestati dei soldi» e accostandone in più occasioni il nome a ditte intestate a «prestanomi di boss mafiosi». L'avvocato Genchi, nella sua attività difensiva, ha eseguito una ricerca di tutte le dichiarazioni rese dal pentito di mafia Angelo Siino e ha sostenuto che «in nessun verbale c'è traccia di quelle dichiarazioni». Dalle indagini sarebbe emerso, inoltre, che «non sono risultati contatti telefonici, né diretti, né indiretti tra Salvatore Iacuzzo, e Siino». Da qui l’opposizione dell’avvocato Genchi alla prima richiesta di archiviazione. Ciò nonostante, appena 15 giorni dopo, il pm ha formulato un’ulteriore richiesta di archiviazione. L’avvocato Genchi, nella nuova opposizione ha evidenziato che il pm ha "lasciato stagionare la denuncia della persona per oltre due anni, senza svolgere al riguardo alcuna indagine». 

La difesa. «Mi preme puntualizzare che nell’ambito del procedimento penale nei confronti di Alfonso Cicero, ex presidente dell’IRSAP, indagato per la sola ipotesi di diffamazione, non v'è, allo stato, alcuna imputazione e nessuna ordinanza in tal senso emessa dal GIP.» Lo dice l'avvocato Angela Petitto, legale di Alfonso Cicero. "Quale difensore di Alfonso Cicero, ad oggi, non ho ancora ricevuto ufficialmente alcun provvedimento. Il Pubblico Ministero, infatti, alla luce delle indagini disposte dal GIP avrà facoltà di chiedere, per la seconda volta, l’archiviazione o meno. Nel caso in cui dovesse riformulare l’archiviazione il denunciante avrebbe facoltà di opporsi comportando, tale opposizione, la fissazione di udienza camerale davanti al GIP." "Solo all’esito della predetta udienza, che si svolgerebbe nel contraddittorio delle parti, e di cui la scrivente non ha ricevuto alcuna notifica, -conclude - il GIP deciderà se accogliere o meno la richiesta di archiviazione del Pubblico Ministero».

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: