Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

Riciclavano auto di lusso e li rivendevano in Sicilia: nove arresti

Di Redazione

MESSINA - La polizia di Stato ha eseguito a Gioiosa Marea (Me) e Patti (Me) un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di nove persone, quattro in carcere e 5 agli arresti domiciliari, con l’accusa di associazione per delinquere finalizzata al riciclaggio di auto e falsità nei documenti.

Pubblicità

Gli arrestati di origine straniera (romena, bielorussa e russa) ma da tempo residenti in Italia ricliclavano autovetture di lusso marca Toyota (in specie modelli Rav 4) e Lexus, rubate all’estero. In particolare - dice la polizia - provvedevano al reperimento materiale dei mezzi, alla contraffazione dei numeri identificativi del telaio e del motore, alla loro introduzione nel territorio nazionale ed alla successiva immatricolazione alla Motorizzazione Civile di Messina mediante falsificazione della relativa documentazione di accompagnamento (libretto di circolazione, schede tecniche, titoli di acquisto).

In tal modo i veicoli venivano nazionalizzati e «legalizzati», per essere poi immessi nel mercato parallelo dell’usato, con la realizzazione di ingenti guadagni. Sono state sequestrate cinque autovetture ed è stato fatto il sequestro preventivo di altre nove auto Rav intestate agli indagati, sul presupposto che alcuni di essi avevano dichiarato redditi bassissimi, pur risultando intestatari di autovetture Toyota di alta gamma. 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: