Notizie locali
Pubblicità

Economia

Trasporti pubblici, possibili disagi per sciopero: sit-in a Palermo e Catania

Di Redazione

PALERMO - Si terranno domani i presidi dei lavoratori dei Trasporti a Palermo e a Catania a sostegno dello sciopero nazionale di categoria di 24 ore indetto da Filt Cgil, Fit Cisl, Uiltrasporti, Faisa Cisal e Ugl, per chiedere il rinnovo del contratto. A Palermo appuntamento dalle 9 alle 13 davanti la sede dell’assessorato regionale all’Economia in via Notarbartolo. A Catania, durante la stessa fascia oraria, in piazza Università.

Pubblicità

A Palermo le segreterie regionali di Filt Cgil, Fit Cisl Faisa Cisal e Fast Confsal «inviteranno il governo regionale e prioritariamente i due assessorati all’Economia e alle Infrastrutture, a togliere la zavorra all’Azienda siciliana trasporti, per un vero rilancio».

«L'Ast - aggiugono i sindacati - infatti, di proprietà della Regione, continua ad essere penalizzata da una norma regionale che da più di 10 anni impone il divieto di assunzioni e progressioni di carriera». 

“A 3 anni dalla scadenza del Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro, e dopo gli scioperi dell’8 febbraio e del 26 marzo scorsi, le Associazioni Datoriali Asstra, Anav ed Agens, pur avendo ricevuto importanti risorse governative per affrontare e sostenere gli effetti della pandemia, - si legge nel documento nazionale che spiega le ragioni dello sciopero - persistono nel loro atteggiamento di indifferenza a non voler riconoscere alle lavoratrici e ai lavoratori del settore il diritto al rinnovo del contratto nazionale di lavoro, al miglioramento delle condizioni lavorative, normative e salariali. A fronte delle consistenti risorse stanziate dal Governo a salvaguardia del settore, i sindacati chiedono la copertura economica del triennio 2018, 2019 e 2020 e l’avvio del confronto per il rinnovo normativo ed economico del Contratto. Se l’atteggiamento della Associazioni Datoriali non cambierà, la protesta proseguirà con sempre maggiore forza”.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: