home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

GENOVA

Ingegnere, degrado Morandi da anni '90

Ma nessun elemento per dire che andava chiuso

Ingegnere, degrado Morandi da anni '90

GENOVA, 16 OTT - "Non c'erano ancora risposte sulla stabilità del viadotto né sulla sicurezza né sul progetto. Avevo visto il lavoro del Cesi e quelle prove erano corrette. C'era comunque un degrado che era stato accertato dagli anni '90". Lo ha detto Fabio Brancaleoni, ingegnere della Edilgegneria, società che fece uno studio sul ponte Morandi, sentito dai pm come persona informata dei fatti dai magistrati che indagano sul crollo del viadotto. "Nel 2015 - ha ricordato - venni contattato da Mario Bergamo (direttore alla sicurezza per Aspi, tra i 21 indagati ndr) per fare lo studio. A fine agosto invece venni contattato da Aspi per fare parte di un gruppo di indagine interna ma non accettai per non intralciare le indagini. Me lo chiese per primo l'ingegner Roberto Tomasi". "Il crollo - ha concluso l'ingegnere - è stato uno choc per tutti. Ma noi non avevamo elementi per dire che il ponte andava chiuso. Dagli studi era emerso che lo stato di degrado della pila 10 era inferiore alla 11 e quello del 9 ancora inferiore".

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa