home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Messina, chiusa l'indagine su Denis Verdini per finanziamento illecito

Avrebbe ricevuto, a titolo di finanziamento del gruppo politico di cui era coordinatore, circa 300mila euro dall’avvocato Piero Amara

Messina, chiusa l'indagine su Denis Verdini per finanziamento illecito

MESSINA - La procura di Messina ha chiuso l'indagine per illecito finanziamento ai partiti a carico dell’ex senatore di Ala, Denis Verdini, accusato di illecito finanziamento ai partiti. L’indagine riguarda anche l’ex  magistrato del Consiglio di giustizia amministrativa della  Regione siciliana Giuseppe Mineo, indagato per corruzione in atti giudiziari. Anche a Mineo, come all’ex senatore, è stato notificato l’avviso di conclusione dell’indagine che precede la richiesta di rinvio a giudizio. 

L’ex senatore di Ala Denis Verdini ebbe a luglio un avviso di garanzia e un invito a comparire per essere interrogato ma non si presentò all’interrogatorio. Il nome dell’ex politico compare nell’inchiesta che ha portato all’arresto dell’ex giudice del Cga siciliano Giuseppe Mineo. Secondo la Procura di Messina, guidata da Maurizio De Lucia, attraverso una serie di passaggi societari, Verdini avrebbe ricevuto, a titolo di finanziamento del gruppo politico di cui era coordinatore, circa 300mila euro dall’avvocato Piero Amara, legale siracusano già coinvolto nell’inchiesta sul cosiddetto "Sistema Siracusa".

Anche ad Amara e al collega di studio Giuseppe Calafiore è stato notificato l’avviso di chiusura delle indagini. Il denaro sarebbe servito a indurre Verdini a sostenere la designazione di Mineo al Consiglio di Stato. In effetti Mineo venne indicato dal Consiglio dei Ministri del Governo Renzi tra i possibili neo magistrati del Cds, ma la nomina venne stoppata a causa del procedimento disciplinare a cui il giudice era sottoposto. La vicenda si inquadra nell’inchiesta per corruzione giudiziaria che ha coinvolto Mineo, accusato di essersi interessato perché fosse sovrastimato il danno chiesto, tramite ricorso amministrativo, da una ditta cliente di Amara, l’impresa Frontino «Open Land» impegnata in un contenzioso col Comune e la Sovrintendenza di Siracusa.
Il giudice era magistrato relatore in una delle cause. In cambio Mineo avrebbe chiesto la nomina al Cds, poi fallita, e 115mila euro, somma che Amara girò a un amico dell’ex giudice, l'ex presidente della Regione Giuseppe Drago che aveva bisogno di soldi per cure mediche.

Sul tentativo dell’ex senatore di Ala Denis Verdini di far nominare al Consiglio di Stato l’ex giudice del Cga siciliano Giuseppe Mineo, poi arrestato per corruzione, è stato sentito ad agosto scorso, come testimone, Luca Lotti, all’epoca dei fatti sottosegretario alla Presidenza del Consiglio. Verdini, che oggi ha ricevuto un avviso di conclusione delle indagini per illecito finanziamento ai partiti, si rivolse all’ex sottosegretario perché Mineo comparisse nell’elenco dei nomi proposti dal Consiglio dei Ministri per la nomina dei magistrati del Consiglio di Stato.

A raccontare il particolare ai magistrati è stato l’avvocato Piero Amara, anche lui arrestato per vari episodi di corruzione, che da mesi collabora con i pm di Messina e Roma. Sarebbe stato lo stesso Verdini, che in cambio avrebbe intascato 300mila euro per il suo movimento politico, a rivelare ad Amara di aver interessato Lotti del caso. Lotti ha confermato ai magistrati di aver ricevuto il curriculum di Mineo da Verdini. Ma la nomina non andò a buon fine perché l’ex giudice del Cga siciliano aveva un procedimento disciplinare pendente per ritardi nel deposito di sentenze.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

VivereGiovani.it

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa