Notizie locali
Pubblicità

Messina

Spaccio e "pizzo" alle Eolie 33 indagati e 4 arresti

Di Redazione

Messina - Sono 33 le persone indagate indagate con l'accusa di avere fatto parte di una rete di spacciatori che operava a Lipari. Le indagini sono state coordinate dalla Procura di Barcellona Pozzo di Gotto e sono state effettuate dai carabinieri di Milazzo e Lipari. Figurano indagati di Milazzo, Lipari e Barcellona Pozzo di Gotto, ma anche di Messina e di altre città siciliane. Cocaina, hashish e marijuana erano gli stupefacenti trattati dal gruppo, secondo le risultanze degli investigatori. Agli indagati si contestano 78 episodi di spaccio tra il 2014 e il 2015. Alcuni sono stati sorpresi in flagranza e arrestati. Secondo quanto emerso dall’inchiesta, era stato ideato anche un linguaggio in codice per segnalare la presenza di carabinieri. 

Pubblicità

I carabinieri di Filicudi, hanno arrestato ad Alicudi sempre su disposizione del procuratore capo di Barcellona Pozzo di Gotto, Emanuele Crescenti. Sono Salvatore Taranto, 46 anni; Alessandro Virgona, 28 anni; Matteo Taranto, 32 anni, e Maurizio Virgona. Per quest’ultimo, che si era trasferito a Bergamo, i carabinieri hanno collaborato con i colleghi lombardi. I capi di imputazione sono estorsione nei confronti di alcuni imprenditori edili, danneggiamento di attrezzature delle stesse ditte e per Salvatore Taranto anche produzione e spaccio di droga.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: