Notizie locali
Pubblicità
Sicilia, approvata all'Ars legge M5s sul recupero degli immobili nei centri storici

Politica

Sicilia, approvata all'Ars legge M5s sul recupero degli immobili nei centri storici

Di Redazione

PALERMO - Approvata dall’assemblea regionale siciliana la "norma in materia di cessione di aree alle coop edilizia". Il testo è passato all’unanimita con 33 voti favorevoli. «Un passo avanti contro la desertificazione e l’abbandono degli immobili nelle città siciliane, e specialmente quelli ubicati nei centri storici», lo definisce il M5S, promotore della legge (prima firmataria Stefania Campo)  che ne  promuove il recupero, grazie a contributi sugli interessi dei mutui a favore delle cooperative di recupero che abbiano fatto ricorso al credito per il recupero e/o per la rigenerazione urbana di immobili già esistenti, al pari delle già note cooperative edilizie.

Pubblicità

«Sempre meno persone – dice Campo - vivono in centro storico in tutta la Sicilia: le case perdono valore e i luoghi si svuotano. Questa legge è un atto concreto che mira ad arrestare questo fenomeno.  I dati allarmanti dell’ultimo censimento evidenziano lo svuotamento dei centri storici siciliani, il 42% di quello ragusano, ad  esempio,  è vuoto, Ragusa e Caltanissetta hanno i prezzi medi più bassi tra gli ultimi 20 centri storici in Italia».

«L'autorecupero associato – continua Campo - può diventare un'ottima misura integrata di housing sociale e dare una risposta concreta al disagio abitativo. Senza dovere costruire nuove case, si potranno riutilizzare spazi già destinati ad altri scopi, contrastando lo snaturamento dei centri storici e l’espulsione delle fasce sociali storicamente presenti nell’edilizia minore delle città.  Questa legge ha un carattere sociale marcato e si lega alla scelta verde di ridurre il consumo di suolo, di contenere le speculazioni e di custodire l’identità dei luoghi che ci sono stati lasciati in eredità da coloro che ci hanno preceduto. Dà inoltre forza all’iniziativa dei gruppi sociali, di diventare responsabili del patrimonio pubblico e di soddisfare i diritti e bisogni fondamentali: essa si alimenta dello spirito di solidarietà del mondo cooperativo».

«Ora bisogna rendere la legge sulle cooperative di autorecupero edilizio, approvata oggi all’Ars, uno strumento realmente utile e di aiuto per i cittadini». È questo l’obiettivo delle proposte di modifica volute e proproste da Attiva Sicilia e che hanno avuto come fulcro 3 principi: ridurre l’emergenza abitativa, valorizzare e conservare il contesto urbano, con particolare riferimento al patrimonio già esistente, e incentivare processi di rigenerazione urbana.

Tra le proposte, diventate parte integrante della legge, quella relativa all’estensione dell’area in cui è possibile recuperare immobili: non più soltanto i centri storici ma l’intera area urbana. Inoltre, sono stati cambiati i requisiti delle cooperative: il numero dei soci, inizialmente fissato a un minimo di 9, adesso deve essere pari o superiore al numero delle unità immobiliari. Modificato anche il requisito reddituale per diventare soci della cooperativa nella direzione di rendere le cooperative più solide economicamente.

«Si tratta di proposte – spiegano Angela Foti e Valentina Palmeri deputate regionali di Attiva Sicilia - mosse esclusivamente dalla ratio di voler mettere a disposizione dei cittadini un testo di legge che potesse essere loro di aiuto. Tra le nostre proposte quella di estendere la possibilità di recuperare immobili inutilizzati a tutta la città, garantendo uno sviluppo ed una rigenerazione urbana maggiormente distribuita ed equilibrata. Siamo soddisfatti dal fatto che queste modifiche siano state approvate».

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA