Notizie locali
Pubblicità

Salute

Coronavirus: ditta tessile converte produzione, 10mila mascherine al giorno

Di Redazione

Milano, 26 mar. (Adnkronos Salute) - Mascherine in tessuto tecnologico, lavabili e riutilizzabili fino a 10 volte, per proteggere quei lavoratori che non si sono fermati per l'emergenza coronavirus e che devono continuare a prestare servizio. Nella lista di aziende tessili che hanno riconvertito la loro produzione in tempi di Covid-19 c'è anche Tecnofilati, della holding Abati Group, un gruppo tessile con quartier generale in provincia di Bergamo, a Medolago, che crea e lavora filati e abbigliamento per diversi settori, tra cui chimico e medicale. Obiettivo: "Creare circa 10mila mascherine al giorno", dice Andrea Abati, fondatore di Tecnofilati. Riconvertendo la filiera "in tempi record", nel giro di "una settimana", sottolineano dalla ditta.

Pubblicità

Le mascherine sono "antistatiche e idrorepellenti in carbonio per uso privato o in ambito lavorativo". Destinazione le imprese locali e nazionali ancora attive. "Abbiamo deciso di convertire la nostra produzione in tempi rapidi perché la richiesta delle mascherine è elevatissima e abbiamo pensato di dare il nostro contributo per mettere in sicurezza più persone possibile. Con questo cambiamento riusciremo a creare circa 10mila mascherine al giorno utilizzando i nostri filati tecnologici, dando così la possibilità a coloro che non si sono fermati, di farlo in sicurezza", sottolinea Abati. La distribuzione è iniziata, "dando priorità alla provincia di Bergamo - spiega l'azienda - tra le più colpite dal coronavirus".

Per sopperire alla scarsa disponibilità sul mercato, le mascherine "sono state realizzate in modo tale da essere riutilizzabili fino a 10 volte dopo un lavaggio a 40 gradi - chiarisce la ditta in una nota - Grazie alle proprietà del carbonio e alla sua trama spessorata, la mascherina antistatica e idrorepellente riduce la penetrazione degli agenti esterni, aiutata anche da un secondo strato di tessuto in poliammide che garantisce un'ulteriore barriera".

I dipendenti di Tecnofilati coinvolti nella realizzazione delle mascherine sono 30 "nel rispetto delle norme di sicurezza predisposte in questi giorni". Il gruppo ha in totale 40 dipendenti e un centinaio di collaboratori, e un fatturato complessivo di 10 milioni di euro l'anno.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA