Notizie locali
Pubblicità

Siracusa

Carabiniere catanese in pensione ucciso a Lentini in zona frequentata da prostitute

Di Redazione

SIRACUSA - Un uomo di 59 anni, Luigi Venezia, originario di Catania, è stato ucciso intorno alle 13.30 in contrada Sabuci, a Lentini, nel Siracusano, con un colpo d’arma da fuoco alla testa. Ad agire sarebbero stati due uomini con il volto coperto da un passamontagna. La zona in cui è avvenuto l’omicidio è frequentata da prostitute. Secondo i carabinieri potrebbe trattarsi di una rapina finita male. 

Pubblicità

Venezia era un ex brigadiere dei carabinieri in pensione da circa sei anni e aveva un trascorso da investigatore in prima linea nella storica squadra dei "Lupi" del comando provinciale di Catania. Un’attività che al momento non è messa in relazione con l'omicidio. Venezia il 30 settembre del 1992 fu ferito a un gomito in un agguato avvenuto nella circonvallazione di Acireale, nel Catanese, dopo dei sicari esplosero contro la sua auto diversi colpi di fucile caricato a pallettoni. Sebbene colpito, il brigadiere scese dalla vettura e rispose al fuoco, mettendo in fuga il gruppo di fuoco che, hanno accertato diverse inchieste "Ficodindia", sarebbe stato mandato dai vertici del clan Laudani per eliminare un investigatore "scomodo" per la mafia. La sua morte, avvenuta in una stradina di campagna, è per il momento collegata a un tentativo di rapina: l’ex carabiniere avrebbe reagito con la sua pistola, che non è stata trovata, e sarebbe stato freddato con un colpo alla testa. 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: