Notizie locali
Pubblicità

Sport

Serie C, Girone C: manita del Catania, Ternana da record

Di Leonardo Zermo

La prima partita del 35º turno del Girone C della Serie C è il pareggio a reti bianche tra Palermo e Vibonese. I rosanero, che nella prossima giornata affronteranno il Bari, sprecano un’occasione per consolidare il proprio posizionamento in zona play-off, mentre la formazione calabrese ottiene un importante punto per sperare ancora nella salvezza diretta.

Pubblicità


Allo Stadio Partenio-Adriano Lombardi l’Avellino vince di misura contro il Bari lo scontro diretto per confermare il secondo posto. Il gol determinante porta la firma di Giuseppe Fella. 

Dopo dieci sconfitte consecutive la Cavese, ultima in classifica, inverte la rotta e batte il Teramo, ottavo in classifica. Al 23’ Emmanuele Matino sigla il gol vittoria risolvendo sotto-porta una mischia. Probabilmente questa vittoria non rappresenterà una svolta nella travagliata stagione dei blufoncé, che però riescono a mettere fine a una lunga serie negativa. I biancorossi, invece, rimangono in piena zona play-off ma non hanno ancora ipotecato un posto tra le prime dieci.

Nonostante la conquista aritmetica della promozione diretta e il 7-2 inflitto in settimana alla Cavese, la Ternana dei record non vuole più fermarsi ed espugna il campo della Turris. Questa volta il match winner è Daniele Vantaggiato, che con la sua dodicesima rete stagionale regala gli ennesimi tre punti ai rossoverdi. Così la squadra di Lucarelli si aggiudica il primato di punti guadagnati in un singolo campionato di Serie C.

Il big match tra Juve Stabia e Catanzaro è stato rinviato al 21 aprile a causa di un focolaio di covid-19 tra le fila dei calabresi.


Pioggia di gol allo Stadio Angelo Massimino: il Catania di Baldini batte il Potenza e inanella la quarta vittoria di fila. Per la verità la sfida non inizia al meglio per i rossazzurri, infatti dopo appena tre minuti Allan Baclet stappa il match, portando avanti gli ospiti. In seguito i padroni di casa pareggiano con la rete di Matteo Di Piazza al 21’ e riescono anche ad andare a riposo in vantaggio grazie al fortunoso gol di Luca Calapai. Nella ripresa Di Piazza sigla una doppietta personale spingendo in porta un palla vagante e poco più tardi Mattia Sandri accorcia le distanze con una bella volée. Al 69’, però, gli etnei infrangono le speranze di rimonta degli avversari con la rete in acrobazia del 4 a 2 di Andrea Russotto, la quarta dal ritorno in Sicilia. Nel recupero Andrea Zanchi si aggiunge alla festa marcando di testa il gol del 5 a 2. Il Catania, così, supera momentaneamente la Juve Stabia e si avvicina al Catanzaro, proprio il prossimo avversario (salvo eventuale rinvio dell'incontro).


Nonostante la bufera di covid-19 abbattutasi sulla squadra, il Monopoli infila l’ottavo risultato utile consecutivo e fa un ulteriore passo verso una salvezza tranquilla, arrivando addirittura a sognare la zona play-off. Tra le mure amiche dello Stadio Vito Simone Veneziani i pugliesi sconfiggono la Paganese. All’11’ Abdoul Guibre apre le danze e al 32’ Marco Piccinni raddoppia. Prima della fine del primo tempo gli ospiti riescono a riaprire i conti grazie al sesto rigore stagionale trasformato da Abou Diop. Nella seconda metà, però, i padroni di casa mettono in ghiaccio i tre punti grazie al missile di Andrea De Paoli. 


Moto d’orgoglio del Bisceglie che, dopo quattro sconfitte di fila, vince il derby pugliese contro la Virtus Francavilla, regalandosi l’opportunità di lottare ancora per la salvezza diretta. Al 27’ Mohamed Mansour segna il gol che si rivelerà poi decisivo con una splendida girata al volo.


Se si è aperta con una partita senza reti, la 35ª giornata si chiude con ben sette gol in un singolo match con protagoniste Viterbese e Casertana. Già dopo tre minuti i padroni di casa mettono letteralmente la testa avanti con uno stacco di Mbende sugli sviluppi di un corner. Qualche minuto dopo, però, Mario Pacilli si inventa con una magia il gol del pari. Nel finale del primo tempo succede di tutto: al 43’ Murilo si guadagna un penalty che verrà poi sbagliato da Tounkara, al 47’ lo stesso Murilo che svetta su un altro calcio d’angolo e fa 2 a 1 e al 48’ l’ex Siena Cristiano Del Grosso rimedia un’ingenua espulsione per aver applaudito ironicamente il direttore di gara. Nel secondo tempo, nonostante l’inferiorità numerica, i campani pareggiano con la rete di Ricardo Matos. In seguito però la compagine laziale sfrutta l’uomo in più siglando in pochi minuti i gol del 3 a 2, firmato Marco Simonelli, e del 4 a 2, siglato Mamadou Tounkara. Nel finale Edoardo Tassi marca anche il gol del 5 a 2. In questo modo la squadra di Viterbo, dopo sei risultati negativi, si rilancia a poche lunghezze dalla decima posizione, occupata proprio dalla Casertana.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA