Notizie locali
Pubblicità

Trapani

Pescatori sequestrati, familiari protestano dopo liberazione nave turca

Di Redazione

Mazara del Vallo (Trapani) - I familiari dei 18 pescatori sequestrati in Libia, che stasera hanno dato vita a una manifestazione di protesta a Mazara del Vallo dopo la liberazione di una nave turca sequestrata il 5 dicembre scorso dalle milizie del generale Haftar, dall’aula consiliare dove si trovavano riuniti si sono spostati davanti l’abitazione dei genitori del Ministro della Giustizia Alfonso Bonafede. Sul posto sono arrivati Polizia, Carabinieri e Polizia Municipale. I familiari hanno inscenato la protesta al grido di «Vergogna, vergogna». «Questi politici devono dimettersi - dice Giuseppe Giacalone, papà di Giacomo, uno dei marittimi sequestrati - è inaccettabile che la nave turca è stata presto liberata e i nostri figli sono rinchiusi in Libia da 102 giorni».

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: