Notizie locali
Pubblicità

Palermo

Federica Argentati riconfermata alla guida del Distretto agrumi di Sicilia

La nuova compagine della governance - condivisa con la base sociale e con il CdA uscente - ha convinto la Argentati a confermare la propria disponibilità al vertice del Distretto nonostante nei mesi scorsi la dirigente, agronomo ed esperta di cooperazione, avesse annunciato la volontà di non ricandidarsi

Di Redazione

Riconfermata per acclamazione dall’assemblea dei soci del Distretto agrumi di Sicilia, Federica Argentati resta alla guida del consorzio che riunisce numerose imprese della filiera agrumicola dell’isola, principale regione agrumetata d’Italia. La riconferma è avvenuta nei giorni scorsi. La nuova compagine della governance - condivisa con la base sociale e con il CdA uscente - ha convinto la Argentati a confermare la propria disponibilità al vertice del Distretto nonostante nei mesi scorsi la dirigente, agronomo ed esperta di cooperazione, avesse annunciato la volontà di non ricandidarsi.

Pubblicità

"Continuiamo nel segno della discontinuità introducendo alcuni temi come la questione dell’etica di comunità, una maggiore connessione fra imprese e ricerca scientifica e la difesa fitosanitaria - dice Argentati - E lo facciamo con una squadra condivisa con la base sociale e selezionata come in passato secondo principi di inclusione, competenza e trasparenza. Con questi presupposti, resto a supportare la filiera agrumicola siciliana, continuando il percorso iniziato. Tre i primi obiettivi cui puntiamo con progetti finanziati e in parte già operativi: un regolamento etico per le imprese, perché siano sempre più consapevoli della loro responsabilità sociale; la salute dei consumatori e, soprattutto, il rispetto del territorio e dell’ambiente, un impegno, quest’ultimo che richiederà determinazione e coraggio e che, alla luce dei cambiamenti climatici e delle drammatiche ripercussioni in agricoltura - vedi gli ingenti danni dell’ultima alluvione fra Catania e Siracusa - non è più procrastinabile». 
 

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA