Notizie locali
Pubblicità

Palermo

Il giallo del diportista scomparso: trovato il relitto, ma non c'è traccia dell'uomo

Andrea Taormina era partito da San Vito Lo Capo ed era diretto a Balestrate. I resti dell'imbarcazione fanno pensare a un incendio a bordo

Di Redazione

Sono stati trovati alcuni resti dell’imbarcazione dell’imprenditore palermitano Andrea Taormina, 49 anni, scomparso in mare mentre era in navigazione con la sua barca a vela da San Vito Lo Capo a Balestrate. Pezzi dell’imbarcazione, che sarebbe dunque naufragata, sono stati localizzati nella zona al largo del Golfo di Castellammare del Golfo. Durante la traversata le condizioni meteo erano buone e il mare calmo. Dalle prime indagini degli uomini della Guardia Costiera non sembra che ci siano state collisioni. 

Pubblicità

 


 L’ipotesi più probabile è che sia divampato un incendio a bordo dell’imbarcazione che ne ha provocato l’affondamento. L'ultima cella agganciata dal cellulare di Taormina è proprio nella zona dove sono stati trovati i resti dell’imbarcazione di colore blu che sono simili alle foto del natante in possesso agli uomini della Capitaneria di Porto del comando di Palermo che da 48 ore stanno conducendo le ricerche nel tratto di mare tra San Vito e Balestrate con motovedette e mezzi aerei. L'allarme era stato lanciato ieri dalla compagna del velista, che era solo a bordo, dopo il mancato arrivo nel porto di Balestrate.

 

 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA