Notizie locali
Pubblicità

Politica

Miccichè risponde a Tancredi e Foti: «Green pass all'Ars? E' una legge dello Stato»

Il presidente dell'Assemblea regionale ha replicato si due parlamentari di Attiva Sicilia che hanno messo in atto la protesta contro i certificato verde

Di Redazione

«All’Ars non si può entrare senza green pass. C'è una legge che dobbiamo far rispettare a tutti i livelli. Invito tutti i deputati che oggi non sono presenti e che hanno fatto richiesta di ingresso senza green pass, nell’interesse di tutti e dell’immagine della stessa Assemblea, a desistere da queste iniziative di protesta. Non siamo noi a poter decidere se la legge nazionale è legittima o contraria alla Costituzione».

Pubblicità

A dirlo è stato il presidente dell’Assemblea regionale siciliana, Gianfranco Miccichè, aprendo la seduta d’Aula, a proposito della provocazione messa in atto da due parlamentari di Attiva Sicilia, Angela Foti e Sergio Tancredi, che si sono presentati all’ingresso di Palazzo dei Normanni e sono stati respinti dopo aver rifiutato di esibire la certificazione verde.     

 

 

«Il decreto legge che in questi giorni passerà dal Parlamento è un atto unilaterale verso il quale alcuni cittadini pacificamente, al netto di alcuni balordi, stanno protestando - ha detto Foti, intervenendo a Sala d’Ercole -. L’atto di oggi è puramente dimostrativo: volevamo testimoniare come quella decisione incide persino sull'attività di un rappresentante democraticamente eletto dal popolo. Continueremo a lavorare e ci atterremo alle regole, quello che conta è dare voce a chi la pensa diversamente, un valore che la nostra Costituzione ci ha consegnato».

 

 

Il prossimo 29 ottobre proprio a Palazzo dei Normanni è previsto un convegno dei no green pass. «Non ci siamo posti il minimo dubbio se consentirlo o meno - ha replicato Miccichè -. Se c'è un posto in cui dibattere è proprio il Parlamento, abbiamo un ovvio atteggiamento di disponibilità al dialogo, ma la legge va rispettata. Non voglio entrare nel merito se sia giusta o sbagliata, è una legge che sono obbligato a seguire».   

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA