Notizie locali
Pubblicità

Salute

Prelievo multiorgano al "San Marco" da paziente 70enne

Donati fegato, reni e cornee

Di Redazione

Un prelievo di organi e tessuti è stato effettuato all'ospedale San Marco di Catania, in virtù della collaborazione tra le équipes  dell’Azienda Ospedaliero Universitaria “G. Rodolico – San Marco” e  dell’Ismett di Palermo. I medici palermitani hanno prelevato fegato e reni, destinati a pazienti in attesa in Sicilia, mentre le cornee sono state prelevate dall’equipe oculistica dell’ospedale San Marco guidata da Davide Scollo. Il donatore è un settantenne della provincia di Catania, andato incontro a morte cerebrale in seguito alle ferite riportate nel corso di un infortunio domestico.

Pubblicità

La complessa macchina della donazione si è messa in moto dopo il consenso al prelievo generoso e senza indugi da parte dei familiari del donatore. L’accertamento di morte cerebrale è stato eseguito dalla commissione composta dalla neurologa Daniela Fatuzzo, da Maurilio Danzi della direzione medica del San Marco e dal referente trapianti, Alessandro Conti. Il gesto altruistico del donatore e della sua famiglia, assume una particolare valenza non solo perché consentirà di restituire speranza e una buona qualità di vita a pazienti in attesa di trapianto, ma anche perché rappresenta un caso di importante solidarietà in un momento di calo delle donazioni in Sicilia, a fronte di un numero sempre maggiore di pazienti in lista d’attesa per ricevere un trapianto di organi.

Determinanti per la buona riuscita delle operazioni sono state la competenza e la perfetta sinergia fra il personale dell’unità operativa di Anestesia e Rianimazione diretta da Paolo Murabito, oltre che l’impegno dei tanti professionisti tra i quali la direttrice dell’unità operativa di Anatomia Patologica, Loredana Villari, chiamata ad analizzare i prelievi bioptici intraoperatori degli organi destinati al trapianto, e ancora la direzione medica, i servizi e il personale della sala operatoria.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: