Notizie locali
Pubblicità

Trapani

«Fu legittima difesa», assolto in appello tunisino che uccise a coltellate un uomo a Pantelleria

In primo grado, il nordafricano era stato condannato in Appello. La Cassazione ha poi ordinato un nuovo poc esso di secondo grado

Di Redazione

«Fu legittima difesa». La seconda sezione della Corte d’assise d’appello di Palermo ha assolto Mohamed Ben Mariem, 41 anni, tunisino, dall’accusa di omicidio. In primo grado, il nordafricano era stato condannato a undici anni di carcere dal gup di Marsala per avere accoltellato e ucciso, la sera del 9 maggio 2018, a Pantelleria, il 48enne Maurizio Fontana.

Pubblicità

 

 

In appello, la condanna fu modificata in eccesso colposo di legittima difesa e la pena fu ridotta a due anni e due mesi, con immediato ritorno in libertà. Ma la Cassazione annullò e ordinò un nuovo processo d’appello, che adesso si è concluso con l’assoluzione. Il nordafricano, infatti, avrebbe reagito ad un’aggressione. Fontana, deceduto qualche ora dopo al pronto soccorso dell’isola, lo avrebbe prima colpito in testa con una bottiglia di vetro. E questo, secondo quanto ricostruito dai carabinieri, dopo che un suo amico polacco gli aveva detto che il tunisino l’aveva bastonato. Delle cinque coltellate, solo due furono mortali: una al petto e l'altra sotto un’ascella.
 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA