home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

Marina Libica respinge navi delle Ong: "Erano stati avvertiti e aspettavano i migranti"

Scoppia di nuovo la polemica dopo le rivelazioni dei libici: "Chiamate wireless sono state rilevate, una mezz'ora prima dell’individuazione dei barconi, tra organizzazioni internazionali non-governative". E la Procura di Trapani: "Noi indaghiamo proprio su questo"

«Prove di contatti Ong-scafisti. I soccorritori? Buoni e cattivi»

La Marina libica, attraverso il suo portavoce, l’ammiraglio Ayob Amr Ghasem, ha segnalato contatti telefonici fra imprecisate Ong che hanno dato l’ impressione che le organizzazioni umanitarie stessero aspettando barconi con circa 570 migranti poi bloccati ieri dalla Guardia costiera libica e riportati indietro. Lo ha rivelato l’Ansa che cita una nota del portavoce della Marina libica.

Nella nota il protavoce Ghasem ha sostenuto che «chiamate wireless sono state rilevate, una mezz'ora prima dell’individuazione dei barconi, tra organizzazioni internazionali non-governative che sostenevano di voler salvare i migranti illegali in prossimità delle acque territoriali libiche. Sembrava che queste Ong aspettassero i barconi per abbordarli. Le Guardie costiere - ha aggiunto Ghasem senza fornire nomi o altri dettagli - hanno preso contatto con queste Ong e hanno chiesto loro di lasciare le acque territoriali libiche».

Il portavoce ha sottolineato che «il comportamento di queste Ong accresce il numero di barconi di migranti illegali e l’audacia dei trafficanti di esseri umani».

Nel sottolineare il caso di un migrante ucciso ieri dai trafficanti, Ghasem ha aggiunto che questi ultimi «sanno bene che la via verso l’Europa è agevole grazie a queste ong e alla loro presenza illegittima e sospetta in attesa di poveri esseri umani».

Una vicenda che sta creando non poche reazioni. Il sostituto procuratore a Trapani, Andrea Tarondo, a proposito della denuncia della Marina libica ha per esempio specificato: «Noi già stiamo indagando su fatti analoghi, sul caso specifico non ho elementi».

Nei giorni scorsi, l’ex procuratore capo facente funzioni a Trapani Ambrogio Cartosio aveva confermato alla commissione Difesa del Senato l’avvio di indagini «sull'ipotesi di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina che coinvolgono non le Ong come tali ma persone fisiche appartenenti alle Ong».

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 3
  • Bancheng

    11 Giugno 2017 - 08:08

    I libici non fanno nulla contro i trafficanti che hanno in casa e probabilmente pagano le forze dell'ordine per poter lavorare i disturbati, non fanno nulla sui maltrattamenti e la schaivizzazione e le violenze ma se la prendono con le ONG che cercano di salvare qualcuno si queati diagraziati.

    Rispondi

  • Bancheng

    11 Giugno 2017 - 08:08

    I libici non fanno nulla contro i trafficanti che hanno in casa e probabilmente pagano le forze dell'ordine per poter lavorare i disturbati, non fanno nulla sui maltrattamenti e la schaivizzazione e le violenze ma se la prendono con le ONG che cercano di salvare qualcuno si queati diagraziati.

    Rispondi

Mostra più commenti

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa