home page| open menuNotizie Locali

WHATSAPP: 349 88 18 870

WHATSAPP: 349 88 18 870

EnnaEuno, slitta il pagamento degli acconti ai dipendenti

Dopo tanti incontri ed assemblee la macchina burocratica si è inceppata per alcuni cavilli burocratici

EnnaEuno, slitta il pagamento degli acconti ai dipendenti

Dovranno ancora attendere i dipendenti di “EnnaEuno” per avere un acconto dei dieci mesi di mensilità arretrate. Di certo l'attesa di dovrà protrarre a dopo Pasqua. Dopo quattro settimane di assemblee, proteste e scoramento gli è stato dunque chiesto di pazientare ancora qualche giorno perché i mandati dei comuni arriveranno la prossima settimana.

Negli ultimi giorni la macchina si era inceppata intorno ad alcuni cavilli burocratici riscontrati soprattutto nel capoluogo che deve versare la somma più cospicua, circa quattrocento mila euro che, sommati ad altri comuni, permetteranno di pagare due mensilità. Poco di fronte alle somme arretrate ma su cui comunque gli stessi lavoratori speravano prima delle festività. L'aspetto positivo, se di tale si può parlare, è che una soluzione alle criticità dei mandati da parte dei comuni è stata trovata e su questa strada stanno lavorando anche altri enti per evitare che in futuro queste somme possano essere aggredite con i pignoramenti.

«Ci dispiace perché da quattro settimane siamo in stato d'agitazione ma non è stato prodotto nulla di ufficiale» dicono i lavoratori che spostano il filo del discorso su un altro tema definendo assurdo che «negli ultimi anni i Comuni hanno usufruito di somme anticipate dai commissari nominati dalla Regione per importi superiori a quelli che oggi sarebbero le nostre spettanze, circa 2 milioni, serviti per la maggior parte solo ed esclusivamente a risolvere i problemi del percolato della discarica». Questo non è stato gradito dai dipendenti certi nell'aggiungere che «con i nostri soldi hanno pensato al percolato in discarica che è un problema che avrebbero dovuto gestire a parte ed in più facendoseli anticipare dalla gestioni commissariali».

Stessa situazione di incertezza c'è ancora per i 9 operatori del Centri comunali di raccolta di Enna che, rispetto ai colleghi amministrativi e dei servizi provinciali, temono per il loro futuro essendo stati esclusi dal Piano di intervento del Comune di Enna. Su questo problema è in corso un discorso con lo stesso Comune ed una soluzione pare essere stata trovata.

COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

LASCIA IL TUO COMMENTO

Condividi le tue opinioni su La Sicilia

Caratteri rimanenti: 1000

commenti 0

Il giornale di oggi

Sfoglia

Abbonati

I VIDEO

nome_sezione

EVENTI

Sicilians

GOSSIP

Qua la zampa

CALENDARIO