Notizie locali
Pubblicità

Catania

Ospedale Cannizzaro, ok dalla Regione alla nuova dotazione organica

Previsti fino a 88 socio-sanitari e la figura dell'infermiere pediatrico 

Di Redazione

È stata approvata con decreto assessoriale e notificata nei giorni scorsi la nuova dotazione organica dell’Azienda Ospedaliera Cannizzaro di Catania. A renderlo noto è la stessa azienda ospedaliera, aggiungendo che la proposta formulata dalla Direzione aziendale «ha trovato il riscontro positivo della Giunta Musumeci, in quanto ritenuta coerente con le linee di indirizzo fornite dal Dipartimento per la Pianificazione Strategica». Il decreto dell’Assessore alla Salute Ruggero Razza, che sarà a breve pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana, sarà seguito da un’ulteriore delibera di definitiva adozione dell’Azienda Cannizzaro, in fase di perfezionamento da parte del Settore Risorse Umane. 

Pubblicità


 Tra gli altri elementi della nuova dotazione organica si prevede il raddoppio del numero degli operatori socio-sanitari fino a 88 posti e l’inserimento della figura dell’infermiere pediatrico. 
 Dopo gli ulteriori passaggi come la pubblicazione alla Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana e la delibera di adozione, l’Azienda Cannizzaro potrà indire nuove procedure di reclutamento a tempo indeterminato, sia di medici e sia di personale del comparto, per la copertura dei posti previsti.

"Ringrazio il presidente Musumeci e l’assessore Razza per la fruttuosa interlocuzione - afferma il direttore generale Salvatore Giuffrida - che ha consentito di formulare una dotazione organica e un piano del fabbisogno del personale nel rispetto dei limiti di spesa e dei parametri indicati, in coerenza con la rete ospedaliera e con i bisogni di salute del territorio. L’Azienda Cannizzaro avrà così in tempi brevi lo strumento grazie al quale potrà dotarsi di nuove e ulteriori professionalità, oltre a quelle reclutate negli ultimi anni con numerose procedure, per continuare a svolgere al meglio la sua mission». 

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA
Di più su questi argomenti: