Notizie Locali


SEZIONI
Catania 25°

POLIZIA

Così una banda rubava merci e derrate alimentari nei camion in transito al porto di Catania: 6 denunciati

Si tratta di 5 catanesi e un albanese che avevano escogitato un collaudato meccanismo per depredare i semirimorchi parcheggiati nel sedime portuale

Di Redazione |

Una puntuale azione di controllo e repressione della Polizia di Stato ha permesso di scardinare un articolato sistema criminoso mirato alla realizzazione di reati predatori in ambito portuale a Catania. Nell’ambito dei servizi predisposti dalla Polizia di Frontiera “Aerea e Marittima”, il personale della Squadra di Polizia Giudiziaria “Scalo Marittimo” ha denunciato in stato di libertà cinque soggetti catanesi e una persona albanese, ritenuti responsabili, in concorso tra loro, del reato di furto aggravato, commesso, in più circostanze, ai danni di semirimorchi in transito, carichi di collettame vario, posteggiati nel porto.

Si tratta di due pluripregiudicati di 30 e 29 e anni e di quattro pregiudicati di 69, 37, 33 e 56 anni, i quali avevano un collaudato meccanismo delittuoso finalizzato all’acquisizione illecita di derrate alimentari, detersivi, deodoranti, piccoli elettrodomestici e altro materiale di facile smercio, per diverse migliaia di euro. Grazie all’intensa attività investigativa, i poliziotti hanno riscontrato che la maggior parte dei semirimorchi depredatati risultavano parcheggiati in aree ad accesso limitato. Un aspetto, quest’ultimo, che ha generato negli agenti il sospetto su un possibile coinvolgimento di soggetti autorizzati ad accedere a questi siti. Effettivamente, è emersa la compiacenza di un operatore portuale del settore pesca che, in più occasioni, era stato notato in compagnia di pregiudicati per questo tipo di reati.

Videosorveglianza

I polizotti hanno acquisito le immagini dei sistemi di videosorveglianza relativi alle aree interessate, nonché quelle relativa al varco di entrata ed uscita portuale. Dopo una attenta e certosina visione dei filmati, gli agenti hanno avuto modo di ricostruire tutte le fasi salienti degli episodi illeciti e ad accertare inconfutabili elementi di reato nei confronti di tutti i soggetti denunciati, abituali frequentatori del sedime portuale.

Inoltre, nel corso delle indagini, è stato possibile riscontrare altre prerogative comuni, consistenti nell’utilizzo di autovetture rubate, nonché nel “mascheramento” delle relative targhe per bypassare le telecamere di sorveglianza. In una circostanza, dopo la commissione di un furto, il personale di Polizia è riuscito a localizzare nel quartiere “San Cristoforo” una delle autovetture che è stata poi riconsegnata al legittimo proprietario. A seguito di precisi servizi di osservazione e di controllo è stato possibile scoprire e sequestrare numerosi strumenti di effrazione all’interno di un’altra autovettura, utilizzata per consumare reati.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA