Notizie Locali


SEZIONI
Catania 25°

il processo

Il depistaggio Borsellino e i versamenti “sospetti” sul conto di La Barbera: il pg fa i conti all’ex capo della Squadra Mobile

Depositati nuovi atti e accertamenti della Gdf

Di Redazione |

«Oggi farò una discovery parziale e do avviso del deposito di nuovi documenti ed esiti investigativi riguardo, in particolare, a della documentazione bancaria relativa al conto intestato all’ex capo della Squadra Mobile di Palermo, Arnaldo La Barbera, accertamenti della guardia di finanza, di atti investigativi a firma di Arnaldo La Barbera relativi all’omicidio Agostino, nonché della sentenza non definitiva emessa nel giudizio relativo all’omicidio Agostino a carico di Antonino Madonia».

E’ quanto ha detto il procuratore generale Maurizio Bonaccorso all’inizio dell’udienza di questo pomeriggio del processo sul depistaggio delle indagini sulla strage di via D’Amelio che si celebra a Caltanissetta.

Nel processo, che si celebra dinanzi alla Corte d’Appello, presieduta da Giovanbattista Tona, sono imputati tre poliziotti del gruppo di indagine «Falcone-Borsellino», guidato da Arnaldo La Barbera – Mario Bo, Fabrizio Mattei e Michele Ribaudo – accusati di calunnia aggravata dall’aver favorito Cosa Nostra per avere, secondo l’accusa, indotto il pentito Vincenzo Scarantino a fare false dichiarazioni.

Secondo il procuratore generale Arnaldo La Barbera, poliziotto a capo del gruppo di indagine Falcone Borsellino, avrebbe versato moltissimi soldi sul suo conto corrente negli anni che vanno dal ’90 al ’92. Soldi che non sarebbe stato possibile guadagnare con il suo stipendio di funzionario di polizia. E’ quanto ha riferito il procuratore generale Maurizio Bonaccorso nel corso dell’udienza sul depistaggio delle indagini sulla strage di via D’Amelio che si celebra in Appello a Caltanissetta. Il procuratore generale ha annunciato il deposito di nuovi atti e documentazione.

«Si tratta in particolare – ha detto Bonaccorso – di documentazione bancaria rinvenuta il 18 settembre 2023, il giorno in cui è stata eseguita la perquisizione nell’abitazione della signora Valentini, ex moglie di Arnaldo La Barbera. Documentazione che riguarda gli anni ’90, ’91 e ’92. Si tratta di estratti conto e matrici di assegni. Sembrerà strano – ha aggiunto il procuratore generale – ma non è stato possibile attraverso la polizia di stato accertare quale fosse il reddito percepito da La Barbera dal ’90 al ’92. Abbiamo i dati sul reddito solo a partire del ’93. Da quello che è emerso il tenore di vita del dottore La Barbera era molto superiore a quello che è il tenore di vita di un famiglia media italiana ma a quell’epoca La Barbera era l’unico a percepire un reddito nella sua famiglia. Ebbene sono stati accertati dei versamenti di contante. Nel ’90 un versamento di 8 milioni delle vecchie lire, nel ’91 uno di 8 milioni e uno di oltre 10 milioni. L’anomalia si comincia a registrare nel ’92. A marzo 5 milioni, ad aprile 12 milioni, a maggio 3 milioni, a luglio 11 milioni, ad agosto 15 milioni, a settembre 5,4 milioni, a novembre 5 milioni, a dicembre 11 milioni. Dati allarmanti perché, a fronte di un reddito sui 4 milioni, ci sono dei versamenti nel ’92 che non appaiono giustificati soprattutto nelle modalità, che sono alquanto sospette. L’analisi fatta dalla Gdf evidenzia per questo periodo una sperequazione, rispetto al reddito, di 97 milioni delle vecchie lire. Che all’epoca era sicuramente una cifra non indifferente».COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA


Articoli correlati