Notizie Locali


SEZIONI
Catania 27°

L'emergenza siccità

Il paradosso dei comuni confinanti: uno a secco l’altro no

Nell'Agrigentino accade che Cammarata abbia l'acqua tutti i giorni, quello confinante, San Giovanni Gemini, è sottoposto a gravosi turni d'erogazione

Di Redazione |

Nell’Agrigentino accade che il comune di Cammarata abbia l’acqua tutti i giorni, quello confinante, San Giovanni Gemini, è sottoposto a gravosi turni d’erogazione. Com’è possibile? Il primo gestisce autonomamente le proprie risorse idriche e non dà la propria acqua al vicino. Una situazione frequente nel territorio, soprattutto nei comuni montani dove insistono le fonti.

Il paradosso è segnalato dall’ingegnere Giuseppe Riccobene, che sulle questioni idriche ha lavorato a più riprese, anche con la gestione prefettizia dell’emergenza. L’ingegnere distingue tra il sistema idropotabile (gli usi domestici dell’acqua) e quello dell’agricoltura e della zootecnia, problema di ben più difficile soluzione. L’ingegnere è convinto che l’acqua nei rubinetti delle case potrebbe arrivare con regolarità, piuttosto che con turni superiori a una settimana come accade da 50 anni ad Agrigento. Per quanto la legge consenta la gestione autonoma dell’acqua, «il sistema dovrebbe essere posto a seri controlli, ma questo non avviene. L’acqua in esubero, che prevalentemente sgorga dalle sorgenti, molto spesso non viene captata e utilizzata e finisce nei fiumi. La gestione autonoma può esistere, ma soltanto a certe condizioni. E sono proprio queste che non vengono esaminate».

Le reti colabrodo

Quanto alle reti colabrodo, l’ultimo dato sulla dispersione idrica che riguarda Agrigento si attesta al 58%. «La dispersione – spiega Riccobene – si misura calcolando la differenza tra l’acqua che entra in rete e quella che viene fatturata. Nel 58% rientrano le perdite ma anche gli eventuali furti». La rete idrica di Agrigento doveva essere rifatta, ma il finanziamento è scaduto alla fine dello scorso anno senza che si riuscisse a far partire i lavori. Prima è stata fatta una gara sbagliata, poi è stata rifatta, ma nel frattempo i fondi sono stati restituiti. «Recentemente il presidente della Regione ha detto che l’opera sarà rifinanziata. Vedremo» dice Riccobene. COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA


Articoli correlati