Notizie Locali


SEZIONI
Catania 18°

GUARDIA DI FINANZA

Intercettato un chilo di cocaina in transito nello Stretto di Messina: arrestato il corriere diretto a Catania

Il fiuto del cane antidroga Ghimly ha consentito il rinvenimento della sostanza stupefacente occultata nel portellone di una vettura

Di Redazione |

Ancora sequestri di droga da parte dei finanzieri del Comando Provinciale di Messina hanno intercettato un chilo di cocaina in transito sullo Stretto di Messina, arrestando un uomo, e un carico di oltre 500 grammi di hashish inviati a mezzo di un pacco postale.

In particolare, durante i consuetudinari controlli ai passeggeri ed ai veicoli in transito sullo Stretto, le Fiamme Gialle del Gruppo di Messina hanno sottoposto a controllo un’utilitaria appena sbarcata dal traghetto, condotta da un giovane calabrese, il quale asseriva di essere un tecnico e di essere diretto verso Catania, per la riparazione di una caldaia.

Il cane

I militari, insospettiti dalla circostanza che il conducente viaggiasse su un’auto noleggiata e, soprattutto, come non avesse alcun tipo di attrezzatura al seguito, decidevano di approfondire il controllo: il fiuto del cane antidroga Ghimly, già protagonista recentemente di operazioni simili, ha fatto il resto, consentendo il rinvenimento, nel bagagliaio, di un plico con all’interno il narcotico. Nel dettaglio, la sostanza era stata abilmente occultata nel portellone della vettura, avvolta nel cellophane ed impregnata di una sostanza oleosa, contraddistinta dal caratteristico odore di petrolio, per tentare di confondere l’infallibile olfatto del cane.

Lo stupefacente, destinato alla vendita al dettaglio nelle piazze di spaccio siciliane, avrebbe consentito un ipotetico guadagno illecito di oltre 250.000 euro nelle casse della consorteria criminale destinataria del prezioso carico, che dalle indagini sembra potesse essere diretto a Catania così come il corriere aveva asserito.

L’indagato è stato arrestato, in flagranza di reato, per traffico di sostanze stupefacenti e rinchiuso nella casa circondariale di Gazzi.

Durante un periodico controllo in un centro di smistamento postale, nei giorni scorsi, le Fiamme gialle hanno invece individuato e sequestrato, presso un locale spedizioniere, un plico contenente oltre 500 grammi di hashish.

Le indagini prontamente attivate hanno permesso di risalire al destinatario, un soggetto residente nel capoluogo peloritano, segnalato all’Autorità Giudiziaria per detenzione di sostanze stupefacenti.COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA