Notizie Locali


SEZIONI
°

Accoltellamento

Lite nel sangue a Caltanissetta, i feriti sentiti nella notte

Pare che alla base della lite, che ha provocato la morte di Marcello Tortorici e il ferimento di tre persone, ci sia stato un apprezzamento non gradito ad una ragazza

Di Redazione |

Sono stati sentiti per tutta la notte i tre feriti coinvolti nella lite a coltellate avvenuta ieri sera a Caltanissetta culminata nell’uccisione di Marcello Tortorici, 51 anni, e altre persone le cui posizioni sarebbero al vaglio degli inquirenti. Ad interrogarli nella caserma dei carabinieri «Guccione» il pm Massimo Trifirò. La vittima, raggiunta da un fendente alla gola, è morta durante il trasporto in ospedale.

                                                Marcello Tortorici, la vittima

Il movente della rissa, avvenuta nei pressi di un’osteria del centro storico, sarebbe quello subito ipotizzato dai carabinieri, vale a dire un apprezzamento di troppo fatto a una ragazza. Ieri durante il sopralluogo della squadra Investigazioni Scientifiche è stato trovato anche uno dei coltelli utilizzati. 

Quando i carabinieri poco dopo le 20.30 sono arrivati in via San Domenico, teatro della rissa, Marcello Tortorici era ancora agonizzante. E’ stato trasportato con un’ambulanza del 118 al Sant'Elia ma è morto durante il trasporto. Un’altra persona era a terra con ferite da arma da taglio alle gambe. Si tratta di Roberto Millaci, 40 anni. Gli altri due feriti, Massimo Tortorici, 45 anni, fratello della vittima, e Salvatore Fiore, si sono presentati direttamente alla caserma dei carabinieri di viale Regina Margherita. Il primo dei due, ferito in maniera più grave, ha un taglio al petto, poco sotto l’ascella ma non è stato necessario operarlo. La ferita, infatti, non era così grave come era stato ipotizzato all’inizio. L’altro, raggiunto in maniera lieve, è stato curato dalla guardia medica. In ospedale è stato necessario l’intervento, oltre che dei carabinieri, anche di alcune pattuglie della polizia per sedare gli animi dei parenti delle persone coinvolte nella rissa. La sorella dell’uomo deceduto ha accusato un malore ed è stata assistita dai sanitari. 

Sono 5 le persone che si trovano attualmente in caserma per la rissa. Oltre ai tre feriti (Salvatore Fiore, 53 anni, Roberto Millaci, 50 anni e Massimo Tortorici, 45 anni, fratello della vittima), ci sono anche i figli di Fiore, Michele, 30 anni e Kevin, 22 anni. I cinque, la cui posizione è al vaglio dell’autorità giudiziaria, sono stati interrogati nella notte dal pm Massimo Tirifò. Non è ancora noto chi abbia sferrato la coltellata fatale a Marcello Tortorici. Gli investigatori stanno ricostruendo l’esatta dinamica di quanto avvenuto. Intanto i cittadini nisseni sono increduli. Da diverso tempo nel capoluogo non si registrava alcun omicidio e l'idea che sia stato commesso per motivi così futili ha sconvolto la città. I carabinieri in poche ore hanno fermato le cinque persone e interrogato quanti potevano sapere qualcosa.   COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA

Di più su questi argomenti: