Notizie locali
Pubblicità

Cronaca

In negozi cinesi prodotti senza marchio CE: 3000 articoli sequestrati

L'intervento dei finanzieri a Fiumefreddo e a Mascali

Di Redazione

I Finanzieri del Comando Provinciale di Catania, nell’ambito dell’intensificazione dei controlli a contrasto della commercializzazione di prodotti illegali e potenzialmente pericolosi per la salute dei consumatori, hanno sequestrato a Mascali e a Fiumefreddo di Sicilia oltre 3.000 prodotti di vario genere, tra i quali elettrodomestici, materiale elettrico, prodotti di cartoleria, bigiotteria, giocattoli e prodotti di merceria utilizzati in genere nel confezionamento di bomboniere e/o regali. 

Pubblicità

In particolare, nel corso di due interventi eseguiti presso due punti vendita siti rispettivamente a Mascali e a Fiumefreddo di Sicilia, gestiti da imprenditori di nazionalità cinese, le Fiamme Gialle della Compagnia di Riposto hanno individuato diversi prodotti, per la maggior parte apparecchi elettrici a bassa tensione per usi domestici, faretti a LED, bracciali, anelli, collane, orecchini, body piercing, giocattoli, articoli da regalo e altri materiali privi dei requisiti di sicurezza previsti dai regolamenti della Comunità Europea, che venivano posti in vendita senza l’indicazione del Paese d’origine, dell’importatore, dei materiali impiegati, delle indicazioni minime di sicurezza, della destinazione d’uso nonché delle istruzioni in lingua italiana, così da rappresentare potenzialmente un grave rischio per la salute del consumatore.

Contrastare la diffusione di prodotti non conformi rispetto agli standard di sicurezza significa contribuire a garantire una protezione efficace dei consumatori e un mercato competitivo ove gli operatori economici onesti possano beneficiare di condizioni eque di concorrenza.La Camera di Commercio, che si occuperà di disporre la distruzione dei materiali sequestrati, ha notificato ai titolari delle imprese sanzioni amministrati e fino ad un massimo di 75.000 euro. La Guardia di Finanza continuerà a vigilare in tutta la Provincia, perseguendo ogni forma di speculazione sui prezzi di vendita e sulla sicurezza dei prodotti commercializzati, a tutela del mercato e, soprattutto, della salute pubblica.

Pubblicità
COPYRIGHT LASICILIA.IT © RIPRODUZIONE RISERVATA